PESCARA, 18 DICEMBRE (Bolognatg24) – Il mistero si infittisce intorno alla scomparsa del giovane studente marchigiano Roberto Straccia. Ci sarebbero state infatti, delle segnalazioni su un possibile avvistamento, che risulta abbastanza credibile. «Lo abbiamo visto ciondolante sul zona sud del lungomare, vestito come nella foto di un volantino e con aria stordita». E’ questa segnalazione fatta ai carabinieri da due ragazzi di Pescara. Poche parole, ma che riaccendono una speranza che si stava perdendo, nei familiari del ragazzo.

Lo hanno riconosciuto, dopo averlo già avvistato, guardando la sua foto su uno di quei tanti volantini che gira per le strade per far conoscere il volto di Roberto. «Siamo certi che sia lui – hanno riferito – era vestito con una tuta azzurra e pantaloncini rossi. Lo abbiamo notato venerdì mattina, poco dopo le 11, perché sembrava che non stesse bene. Ma non sapevamo ancora che fosse scomparso e che i carabinieri lo stessero cercando. Quando abbiamo visto i volantini, ci siamo subito rivolti alle forze dell’ordine».

Questa la segnalazione più veritiera, più credibile, finora ce n’erano state delle altre, tutte però senza alcun esito. I carabinieri hanno infatti verificato le testimonianze, ma non ci sono stati riscontri effettivi nel corso delle ricerche.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Nel frattempo proseguono anche le indagini: i militari del Nucleo operativo, coordinati dal colonnello Giovanni Di Niso, stanno ascoltando due amici di Roberto giunti dalle Marche per contribuire alle ricerche. I carabinieri sperano di scoprire elementi che possano far luce sulla vita dello studente e che forse non erano conosciuti dai familiari.  Al vaglio degli investigatori anche il contenuto del computer del giovane e i tabulati del cellulare per verificare quali siano stati gli ultimi contatti che Roberto ha avuto prima della scomparsa.

Attualmente nessuna pista è esclusa, dall’allontanamento all’aggressione, tutto viene preso in esame dagli investigatori. Intanto una fiaccolata e’ stata organizzata per domani (dalle ore 17) a Pescara dagli amici di Roberto. Attraverso Facebook i giovani che lo conoscono hanno lanciato un appello a partecipare all’appuntamento. “Noi amici di Roberto – scrivono sul social network – ci riuniremo per una fiaccolata in suo onore ripercorrendo il suo stesso tragitto. L’invito a partecipare e’ rivolto a chiunque abbia voglia di condividere con noi questo momento di raccolta, per continuare a sperare. Confidiamo nella presenza di tutti. Spargete la voce quanto piu’ potete!”.

Alessandra Scarciglia