ROMA, 17 DICEMBRE – Lutto nel mondo della musica. E’ morta all’età di 70 anni Cesaria Evora, la diva scalza.

Originaria di Capo Verde, dove peraltro è morta, la cantante si era affermata grazie ad un particolare genere musicale : la morna, tipico dell’isola che le ha dato i natali.

Si è spenta oggi dopo un ritiro annunciato dalle scene musicali a causa di gravi problemi di salute.

La sua vita è stata un crescendo: dopo un’infanzia difficile e dolorosa, improvvisamente decide di dedicarsi alla musica conquistando, successo dopo successo, il titolo di regina indiscussa della morna, la musica tip dell’isola di Capoverde.

[ad#Google Adsense][ad#HTML]

Non sono mancati i classici alti e bassi nella sua lunga carriera. Dopo un periodo di successi, decide di allontanarsi dal mondo della musica per dei problemi economici e personali, per poi ritornare nuovamente regina grazie al successo di “Sodade“, a cui fece seguito la registrazione a Parigi, nel 1988, dell’album “La diva aux piede nos” ( “La diva a piedi nudi“) per quella sua caratteristica di calcare i palcoscenici a piedi nudi.

La sua carriera vanta oltre centinaia di migliaia di copie di dischi venduti, collaborazioni importanti con Caetano Veloso, Madonna, David Byrne, Wynton Maralis e Goran Bregovic, grazie al quale incise tempo fa un brano per la colonna sonora di “Underground” di Eumir Kusturica. La sua musica è stata anche omaggiata dal mondo dei dj.

Al suo nome si deve il successo e la fama di un genere, la morna, rimasto per troppo tempo lontano dai grandi palcoscenici. Un genere, che grazie alla sua inconfondibile classe e presenza scenica, le hanno permesso di far conoscere al mondo intero, permettendo così di superare i confini musicali legati per molto tempo al solo mercato occidentale.

Emanuele Ambrosio