FIRENZE, 15 DICEMBRE – Rimane alle stelle la tensione nel capoluogo toscano all’indomani delle morti di Samb Modou e Diop Mor, ambulanti di origine senegalese, assassinati da un folle, che si è tolto la vita in seguito.

Il nome di Gianluca Casseri, il ragioniere cinquantenne autore della strage, rimbalza da un capo all’altro della rete, praticamente portato in trionfo su forum e social network legati ad ambienti xenofobi, che arrivano ad esaltarlo come un eroe.

Preoccupazione ed amarezza diffuse nella folta comunità fiorentina di immigrati, che stanno raccogliendo la solidarietà ed il supporto di cittadinanza ed autorità locali e nazionali. Allarme anche dai rappresentanti della destra radicale: Iannone, presidente di Casapound Italia, etichetta il gesto come una provocazione, lamentando che la tensione creatasi non giovi a nessuno.

[ad#Juice 120 x 60][ad#HTML]

Nuovi inquietanti risvolti dalle indagini, dirette dal pm Paolo Canessa: nelle abitazioni del killer, di cui è emerso soffrisse di depressione e diabete, la polizia ha trovato un vero e proprio laboratorio d’armaiolo; mancherebbe invece l’hard disk del pc di Casseri, elementi che fanno prendere corpo all’ipotesi della premeditazione.

YouTube Preview Image

Matteo Borile