BOLOGNA, 04 DICEMBRE – Forse aveva sbagliato o forse è stato ingannato dalla segnaletica di un cantiere, un errore umano che è costata la vita un pensionato di 87 anni, travolto con la sua auto da un treno Frecciargento.

E’ accaduto ieri a Bologna, in via del Lazzaretto intorno alle 13 in una strada chiusa al traffico e con un passaggio a livello funzionante ma sostituito da un sottopassaggio pedonale. E proprio questo, molto probabilmente, l’errore commesso dall’anziana vittima: confusione della segnaletica che l’ha fatto finire direttamente sui binari, facendo uno slalom per superare le semi-sbarre, ed essere travolto da un treno Frecciargento della linea Bologna-Venezia.

[ad#Google Adsense][ad#HTML]

La strada dove è avvenuta la tragedia è di fatto chiusa al traffico ma accessibile solo da parte dei mezzi impegnati in un’area di lavoro per l’Alta velocità e al momento dell’impatto le sbarre erano chiuse e si sospetta che, accortosi di aver sbagliato strada, l’anziano abbia tentato un attraversamento dei binari all’ultimo momento, nonostante le sbarre chiuse.

Sul Frecciargento c’erano circa 140 viaggiatori, per i quali Trenitalia ha messo a disposizione dei bus sostitutivi. Attualmente la circolazione è fortemente rallentata e i treni sulla tratta Bologna-Venezia sono tutti deviati.

Federica Palmisano