ROMA, 14 NOVEMBRE –  A partire dalla giornata di oggi fino a domani, martedì pomeriggio, il nuovo premier incaricato Mario Monti, procederà con le consultazioni per la stesura del programma e la costituzione del nuovo governo.

Durante il suo discorso da nuovo premier, Monti ha voluto ringraziare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano “per la fiducia che ha accordato alla mia persona con l’incarico conferitomi, intendo adempiere a questo incarico con senso di responsabilità e di servizio, in un momento di particolare difficoltà dell’Italia, in un quadro europeo e internazionale turbato”. Per ciò che riguarda i tempi, il neo premier ha assicurato che il tutto avverrà “con senso di urgenza ma con grande scrupolo”, precisando che” Tornerò dal Presidente della Repubblica quando sarò in grado di sciogliere la riserva”.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Nel suo articolato discorso, Mario Monti ha affermato che “Il Paese deve tornare al riscatto”, aggiungendo che “bisogna tornare a essere una forza e non una debolezza in Europa, Europa di cui siamo stati i fondatori. I nostri sforzi sono indirizzati a risanare la situazione finanziaria, a rilanciare la crescita con attenzione all’equità sociale: lo dobbiamo ai nostri figli”. “L’Italia ce la farà a uscire dalla crisi, potrà a tornare a essere la forza e non la debolezza dell’Europa, puntando sul senso di responsabilità, con attenzione all’equità sociale, per uscire dall’emergenza con l’aiuto delle forze politiche e della società”, con queste parole il senatore e neo premier Monti illustra le linee guida che intende seguire, consapevole della difficoltà, non solo politica, in cui si trova il nostro Paese.

In merito alle nomine dei nuovi probabili ministri, Monti prende le distanze, già in precedenza prese dal Colle, sulle voci circolate in questi giorni: “Per quel poco che ho letto in queste ore, posso assicurare che le voci che sono circolate su tempi e nomi sono di pura fantasia, procederò nei tempi più brevi possibili, ma con un lavoro buono e solido”.

Giorgio Napolitano conferisce l’incarico a Mario Monti

Sabrina Brandone