GENOVA, 26 OTTOBRE – Quattro morti, sei dispersi, migliaia di sfollati e 30 comuni pesantemente colpiti. E’ il bilancio provvisorio dell’eccezionale ondata di maltempo che ieri ha flagellato l’area compresa tra la provincia di La Spezia e la Lunigiana.

Una donna è morta intrappolata in un’auto ad Aulla (Massa Carrara), nota meta turistica della Lunigiana. Il corpo privo di vita è stato scoperto dai vigili del fuoco all’interno di un’auto rovesciata in via della Resistenza, uno dei quartieri più colpiti dalle esondazione del fiume Magra. Un’altra persona – secondo il bollettino ufficiale diramato dalla protezione civile regionale della Toscana, risulta dispersa.

[ad#Google Adsense][ad#Juice PopUnder2]

La situazione più critica per il maltempo in Lunigiana si vive proprio ad Aulla, dove il Magra è fuoriuscito dagli argini allagando una vasta zona della parte bassa della cittadina. I vigili del fuoco sono intervenuti con 20 automezzi e con personale del soccorso acquatico, dotati di gommoni, e sommozzatori: una cinquantina di persone le cui abitazioni sono state invase dall’acqua sono state tratte in salvo o evacuate.

Un edificio composto da due abitazioni adiacenti è crollato nella frazione di Cassana, nel comune di Borghetto Vara, uno dei centri maggiormente colpiti dall’alluvione. Una ragazza è stata estratta viva dalle macerie grazie al pronto intervento dei soccorritori, mentre tre persone hanno perso la vita. Si tratta di una coppia e di una terza persona, non ancora identificata. Vano il lavoro dei Vigili del fuoco e degli uomini della Protezione civile che hanno lavorato senza sosta per estrarre vive le persone dalla macerie.

Due dispersi sono stati accertati nei comuni di Pignone e altri due a Vernazza. Secondo il racconto fornito da alcuni testimoni oculari, si tratterebbe di due turisti inghiottiti con tutta la loro auto da una colata di fango. Il comune di Vernazza, in provincia di La Spezia, è spaccato in due da un canale naturale creato dalle acque precipitate copiosamente in queste ore. Le immagini, riprese dai video pubblicati dagli utenti su Youtube, sono drammatiche: le strade sono state invase da un fiume di fango, detriti e acqua che ha travolto alberi, macchine, lampioni e barche. I muri di piazze ed edifici si sono trasformati in spettacolari cascate. Vernazza è stata colpite da una sorta di diluvio universale.

La Liguria chiederà lo stato di emergenza per l’alluvione che ha devastato le Cinque Terre e lo Spezzino provocando danni per centinaia di milioni di euro. Nelle prossime ore il provvedimento sarà sottoposto dall’assessore alla Protezione civile, Renata Briano, all’attenzione del presidente della Regione, Claudio Burlando.

Redazione Online