BOLOGNA, 9 OTTOBRE – Il tedesco Sebastian Vettel si è confermato campione del mondo della F1: il pilota della Red Bull, a cui bastava soltanto un punto per raggiungere il record di pilota più giovane a conquistare due titoli iridati (precisamente a 24 anni, tre mesi, 6 giorni), si è classificato al terzo posto del Gran Premio in Giappone dietro al pilota della McLaren, Jenson Button, e al ferrarista Fernando Alonso.

Il suo compagno di scuderia, ovvero Webber, invece si è piazzato in quarta posizione.  Seguono Hamilton della McLaren); il leggendario Michael Schumacher della Mercedes); il brasiliano ferrarista Massa; e il sorprendente Sergio Perez della Sauber.

LA GARA – Sebastian Vettel, che partiva in pole, si è collocato dietro Jenson Button inizialmente con una rischiosa maonvra ma è apparso meno brillante in confronto ad altre situazioni contro McLaren e Ferrari, molto competitive. Quindi, il pilota tedesco è stato superato da Button al secondo pit-stop e dopo da Alonso al terzo pit-stop. A fine Gran Premio, accortosi di non poter più riprendere Fernando Alonso, il campione Red Bull ha deciso di non correre nessun rischio provando difficili rimonte, e si è dunque accontentato della terza posizione che gli consentiva di vincere il titolo mondiale.

Durante il Gran Premio, tutto si è svolto in modo lineare, ma c’è da segnalare il contatto fra Massa e Hamilton, con l’inglese che ha “chiuso” il ferrarista durante un sorpasso tentato dal brasiliano al 22esimo giro, condizionando la gara di Felipe per il provocato danneggiamento della bandella dell’ala anteriore della macchina di Massa.

VIDEO NEWS

Nicola Celentano – Bnsport

[ad#Google Adsense-1][ad#HTML]