BOLOGNA, 4 OTTOBRE Pierpaolo Bisoli non è più l’allenatore del Bologna. La comunicazione ufficiale è delle 13.29, ma la notizia era stata già confermata dai diversi contatti tra la dirigenza e alcuni allenatori, due su tutti Delio Rossi e Davide Ballardini.

L’esonero. In cinque partite il Bologna ha ottenuto un solo punto, quello allo Juventus Stadium, e sebbene possa essere considerato un risultato di lusso, non è bastato a Bisoli per veder riconfermata la fiducia nel suo operato. La sconfitta di Udine e il penultimo posto in classifica hanno determinato la scelta della dirigenza di cominciare a sondare l’ambiente per un cambio di panchina. L’ufficializzazione dell’esonero non è arrivata a sorpresa, sebbene il tecnico dichiarava poche ore fa “non so niente, non ho sentito nessuno. E non ho ricevuto alcuna comunicazione dalla società”.

Il successore. Dopo aver incassato il “no” di Delio Rossi che probabilmente è in attesa di un’offerta straniera, il Bologna ha puntato su Davide Ballardini. La trattativa sembrava a buon punto, tanto da far pensare ad un’ufficializzazione in giornata, ma stamattina l’ex allenatore del Genoa ha fatto dietrofront, forse destinato ad un altro club, o forse poco convinto dal contratto annuale propostogli.

Caos. Sulla panchina del Bologna, intanto, continuano ad avvicendarsi vari nomi: oltre a Donadoni e Beretta, ci sarebbe quello di Pioli, di fatto il più quotato, sebbene un contratto biennale lo leghi al Palermo, dal quale fu esonerato ad inizio stagione. Intanto il Presidente Guaraldi sta tenendo in queste ore una riunione per decidere il da farsi. È molto probabile che domani mattina, nella ripresa degli allenamenti, la squadra conoscerà il nuovo allenatore.

Luciano Cangianiello