SHANGAI, 30 LUGLIO – Ai tempi di Rudic era una corazzata imbattibile: europei, mondiali e olimpiadi, l’Italia dominava nel mondo. Poi il cambio generazionale e il lento declino da nobile blasonata. Ma a Shangai i ragazzi di Sandro Campagna hanno firmato una delle pagine più belle dello sport italiano, riconquistando finalmente il tetto del mondo.

Gli azzurri  hanno battuto a Shanghai la Serbia 8-7 dopo i tempi supplementari, in una gara dalle mille emozioni. Dopo Berlino ’78 e Roma ’94, Shanghai 2011 è il 3° trionfo mondiale per l’Italia della pallanuoto

LA GARA – Gallo firma l’1-0 del primo quarto, ma la seconda frazione è dominata dalla Serbia. I campioni del mondo ribaltano il match portandosi sul 2 a 1, la fortuna non aiuta gli azzurri che colpiscono due legni. Nel terzo quarto va in scena il Settebello-show: doppietta Aicardi, sigillo di Presciutti e l’Italia si riporta avanti per 5 a 3. Nel quarto parziale la Serbia dimostra tutta la sua forza rimontando due reti e portando la gara ai supplementari.

Overtime da infarto: Tempesti, dopo aver parato l’impossibile, neutralizza con una prodezza un rigore. Aicardi e Felugo ci consegnano l’oro (8-7).

Tutti in acqua, siamo sul tetto del mondo…

Bnsport