LONDRA, 28 MAGGIO – Cielo grigio, raffiche di vento e temperatura autunnale. Clima in perfetto stile british a Wembley, suggestivo teatro dell’atto conclusivo della Champions Champions League. È la sfida delle sfide Rooney contro Messi, di Giggs contro Xavi, del vate Ferguson contro il genio Guardiola.

FINALE MANCHESTER UNITED BARCELLONA 1-3 Pedro 28′, Rooney 33′, Messi 54′, Villa 75′  – TUTTI I VIDEO DELLA FINALE

L’arbitro decreta l’inizio del match.

2′ – Pedro resta a terra dopo una sassata di Carrick. Il talento catalano si rialza dopo pochi secondi.
3′ – Tiro di prima intenzione di Hernandez respinto da un sontuoso Abidal.
6′ – Carrik per Hernandez solo al centro dell’area, l’arbitro segnala l’off-side.
7′ – Contropiede micidiale dell’United: Valdes salva in acrobazia su Rooney.
Barcellona intimidito, Manchester finora perfetto.
9′ – Occasione Manchester: Giggs verticalizza per Rooney che salta Rooney, ancora Valdes anticipa di un soffio l’attaccante inglese.
10′ – Reazione del Barca: Messi per Villa bloccato in angolo da Vidic.
14′ – Clamorosa palla gol per il Barca: Villa dall’out destro serve Pedro marcato goffamente da Vidic: l’attaccante spagnolo spreca malamente a lato.
19′ – Messi, Xavi e palla sui piedi di Villa: il suo sinistro sfiora il palo alla sinistra di Van Der Sar.
20′ – Azione da manuale del Barca. Xavi smarca in area Villa, il destro dell’ex Valencia viene neutralizzato da Van Der Sar.
22′ – Miracoloso intervento in spaccata di capitan Vidic su Messi a due passi da Van Der Sar.
Il Barcellona adesso è padrone assoluto del campo.
27′ – Il Barcellona passa in vantaggio: gol di Pedro.
Solito copione in peine stile blaugrana. Messi serve Xavi che conia l’ennesimo assist smarcante per Pedro: destro chirurgico che gela Van Der Sar.
Rete storica quella di Pedrito che diventa il primo spagnolo a segnare in una finale di Champions League.
33′ – Pareggio del Manchester: Wayne Rooney
Assolo di Fabio sulla corsia laterale, palla a Giggs che taglia al centro per Rooney: favoloso destro a giro che si insacca nel sette della portata difesa da Valdes. Azione viziata da un fuorigioco del fuoriclasse gallese.
40′ – Punizione Barca: Messi, Busquets e Pedro che sfiora per pochi centimetri il tap-in vincente. Schema quasi perfetto, brividi per Ferguson.
43′ – Percussione di Messi che palla al piede giunge sino al limite dell’area: assist filtrante della ‘Pulce’ per Villa che non chiude la triangolazione.
45′ – Nessun minuto di extra-time. L’arbitro decreta la fine del primo tempo.

Il Manchester entra in campo, Barcellona ancora nel tunnel.

L’arbitro decreta l’inizio del secondo tempo.
45′ – Partenza a razzo per il Barca. Assolo di Mascherano che si procura subito un corner. Sugli sviluppi del calcio d’angolo velo di Busquets e bomba di Iniesta dai 25 metri: palla respinta dal corpo di Vidic.
46′ – Ci prova Xavi dal limite dell’area, palla nuovamente in corner.
Pressione asfissiante del Barca, Manchester in apprensione.
51′ – Barca vicinissimo al golo. Affondo sulla destra di Dani Alves: destro violento deviato col piede da Van Der Sar.
54′ – Barcellona in vantaggio: la firma è di Lionel Messi.
Iniesta serve Messi che dai 25 metri sorprende centralmente Van Der Sar con una violenta saetta. Il portiere olandese fermo e parzialmente colpevole nell’azione che ha portato al gol
57′ – Invasione di campo pacifica, gioco momentaneamente fermo. L’United respira.
60′ – Ammonito Dani Alves per un fallaccio su Evra. Decisione giusta dell’arbitro.
61′ – Ammonito Carrick per un intervento in netto ritardo su Iniesta.
63′ – Messi sfonda sulla sinistra dell’area inglese: il suo sinistro viene bloccato con difficoltà da un incerto Van Der Sar.
65′ – Miracolo di Van Der Sar sul sinistro a giro di Xavi dal limite dell’area: palla in corner.
66′ – Messi smarca in area Pedro che smista per Iniesta: la bomba del vice pallone d’Oro viene bloccata centralmente da Van Der Sar.
“Non ho mai visto una squadre giocare così bene al calcio”.
70′ – Ferguson cambia le carte in tavola: fuori Fabio dentro il portoghese Nani. Ma la sostanza non cambia
71′ – Capolavoro di David Villa: Barcellona 3 – Manchester 1
Assolo di Messi sull’out destro, assist per Busquets che scarica dietro per l’accorrente Villa: meraviglioso destro a giro che si insacca all’incrocio dei pali.
76′ – Sostituzione Manchester: fuori Carrick dentro l’eterno Scholes.
Rooney predica nel vuoto, Barcellona nettamente superiore in tutti i settori. Inizia la’ festa sugli appalti.
77′ – Reazione di orgoglio del Manchester. Rooney apre per Giggs che prova il dribbling su Villa: la palla termina sul braccio allargato del catalano, ma l’arbitro non decreta il rigore. Decisione dubbia nonostante l’astuzia del gallese.
82′ – Azione personale di Nani: il sinistro dai 25 metri sfiora il palo alla sinistra di Victor Valdes
85′ – Ammonito Victor Valdes per perdita di tempo.
86′ – Sostituzione Barca: esce Villa dentro Keita.
87′ – Fallaccio di Valencia su Busquets: rischio rosso per il centrocampista sudamericano.
88′ – Secondo cambio Barca: è il momento di capitan Puyol che entra al posto di Dani Alves. Tributo di Guardiola al simbolo della squadra catalana.
91′ – Ultimo cambio Barca: fuori Pedro, dentro Afellay.
Dopo tre minuti di recupero l’arbitro decreta la fine del match.

Il Barca vince la Champions League annichilendo un caparbio United. Il Manchester dopo un buon avvio si chiude nella propria area subendo l’asfissiante calcio orizzontale dei catalani. Sblocca il risultato Pedro al 28′ dopo un’azione da manuale orchestrata dal tandem Xavi-Iniesta. Al 33′ il pareggio dei Red Devils grazie al destro imprendibile di Rooney su assist di Giggs. Nel finale il Barca si catapulta nell’area inglese ma il risultato non cambia. Secondo tempo stellare del team di Pep Guardiola, trascinato da Lionel Messi e dal genio di Xavi. Netta la superiorità della formazione catalana che entra nell’Olimpo delle squadre più forti di tutta la storia del calcio. Manchester deludente e scelte di Ferguson discutibili.

FORMAZIONI UFFICIALI E PAGELLE

Barcellona: Victor Valdez 6; Dani Alves 6 (Afellay sv), Abidal 7, Pique 6,5, Adriano 6,5; Xavi 9, Busquets 7, Iniesta 6; Pedro 7 (Puyol sv), Messi 9, Villa 7(Keita sv). All.: Guardiola.
Manchester United: Van Der Saar 5; Fabio 5(Nani 6), Vidic 5, Ferdinand 5, Evra 5; Valencia 5, Carrick 5 (Scholes sv), Giggs 6, Park 6, Hernandez 4, Rooney 7. All.: Ferguson.

LE EMOZIONI DEL PREPARTITA

ORE 20.37 – 86 mila spettatori infiammano le tribune dello stadio di Wembley, tempio del calcio.
La Coppa dalle grandi orecchie fa il suo ingresso in campo, scortata dalle guardie reali.
L’inno della Champions League risuona a Wembley.
ORE 20.31 – Sta per iniziare la cerimonia d’apertura della “Finale del decennio“.
ORE 20.27 – Atmosfera meravigliosa. Le telecamere inquadrano uno dei possibili protagonisti della finale: Wayne Rooney.
ORE 20.21 – Fari puntati sull’eterno Giggs, apparentemente tranquillo nonostante ieri sia stato travolto da uno scandalo rosa: il tradimento della moglie Tracy.
ORE 20.12 – Montali: “Una partita straordinaria tra due squadri grandissime. Due modi differenti di interpretare il calcio, due differenti filosofie”.
Alla domanda sul futuro della Roma, il dirigente giallorosso smentisce l’arrivo di Luis Enrique
ORE 20.04 – Quote Barcellona 3.30, Manchester Unitede 3.80
ORE 19.56 – De Laurentiis: “Una grandissima serata di calcio, degna degli Oscar del Cinema”.
Alla domanda sul futuro di Hamsik posta dal reporter di SkyTg24 Galliani saluta e se ne va.
ORE 19.47Zanetti: “Non ci sono favoriti. Messi può cambiare la partita, l’attacco del Manchester fa paura. Sarà una finale molto equilibrata”. Infine il capitano dell’Inter ha espresso il suo pronostico: “Favorito il Barcellona”.
ORE 19.40Puyol fuori dai giochi, dal primo minuto Abidal. La scelta di Guardiola è caduta sul centrale francese, miracolosamente in campo a due mesi dall’intervento per un tumore al fegato.
ORE 19.35 – Festa grande a Wembley Park invaso dalla torcida catalana.

ULTIME DA WEMBLEY – Pep Guardiola, santone del ‘calcio orizzontale’,  conferma il classico 4-3-3:  Alves, Mascherano, Piqué e capitan Puyol davanti a Valdes, Busquets soldato a servizio dei generali Xavi e Iniesta a centrocampo e in attacco il trio delle meraviglie Pedro-Messi-Villa.

Dubbio amletico per Sir Alex Ferguson: 4-4-2 per sfruttare le velocità del Chicharito Hernandez? O modulo ad una sola punta per irrobustire la linea mediana con uno tra Fletcher (in non perfette condizioni) e Scholes? Il tecnico del Manchester deciderà solo pochi minuti prima dell’ingresso nel tempio del calcio.

A centrocampo  l’eterno Giggs, dal bradipo Garrick. Sulle corsie laterali Valencia e Park sono favoriti sul gioiellino Nani per via delle loro caratteristiche difensive. Intoccabili Rooney in avanti, così come Ferdinand, Vidic ed Evra davanti a Van der Sar, giunto all’ultimo canto del cigno. Per il ruolo di terzino destro, il brasiliano Fabio Da Silva è in vantaggio sul gemello Rafael e sul veterano O’Shea.

A cura di Bnsport