TRIPOLI, 25 MARZO – “Almeno 8mila persone sono morte dall’ inizio della rivolta, il 17 febbraio,in tutta la Libia”. Lo afferma Al Ghogha, portavoce del Consiglio transitorio libico, organismo politico degli insorti costituito a Bengasi.

“Tuttavia temiamo che il bilancio possa essere molto più pesante, perché non abbiamo notizie da alcune aree del Paese”, aggiunge.

RAID ANTI-GHEDDAFI SU AJDABIYA – La coalizione internazionale anti-Gheddafi ha condotto un raid aereo contro le postazioni dell’esercito libico all’ingresso occidentale di Ajdabiya. Lo ha riferito la tv Al Jazira, mostrando in diretta le colonne di fumo che si sono alzate verso il cielo dalla zona colpita, dove sono state udite due forti esplosioni.

Nella porta occidentale della città, 160 km a Sud di Bengasi, sono concentrate le truppe lealiste. Sotto attacco della coalizione, anche Sirte, città natale di Gheddafi, circa 600 km a Est di Tripoli. Altre incursioni sono state condotte alla periferia di Tripoli e a Sabha.

Redazione