MILANO, 18 GENNAIO – La giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera esaminerà da mercoledì la domanda “ad eseguire perquisizioni domiciliari nei confronti del deputato Berlusconi, avanzata dalla procura della Repubblica di Milano”.

Ne dà notizia una nota di Castagnetti, presidente della Giunta di Montecitorio. La richiesta dei magistrati riguarda una indagine sul caso Ruby, in particolare la perquisizione degli uffici di Giuseppe Spinelli, contabile di Berlusconi. L’incartamento, di 300 pagine trasmesso dalla Procura, sarà a disposizione dei commissari, che potranno consultarlo negli uffici della giunta, “in presenza di personale addetto”.

CONSOLO: GIUDICARE CON MASSIMA SERENITA’ “A mio avviso potevano non sussistere gli estremi per il giudizio immediato. Ma non dico ciò che penso, parlerò soltanto all’interno della Giunta, che è la sede propria per farlo”. Lo ha affermato Consolo, deputato di Fli e vicepresidente della Giunta per le autorizzazioni della Camera, dopo aver letto gli atti dei Pm di Milano sul caso Ruby depositati a Montecitorio. Il parlamentare non ha voluto fare commenti sugli atti che ha letto, definiti folcloristici e ha sottolineato: “E’ indispensabile in questo caso giudicare con la massima serenità, che è la miglior dote che un giudice possa avere, e io in Giunta sono un giudice”.

Redazione