BOLOGNA, 24 SETT. – Guerra a colpi di dossier nel Pdl. Ormai i finiani sono sicuri che vi sia un intervento diretto del Presidente del Consiglio, nella costruzione del documento falso che proverebbe che il proprietario della casa di Montecarlo è Giancarlo Tulliani, cognato del Presidente della Camera.La prova della falsità del suddetto documento viene direttamente dalla stamperia di Santa Lucia che avrebbe dovuto riconoscerlo.

Maurizio Belpietro sospetta che la polpetta avvelenata della patacca sia venuta dai finiani, Italo Bocchino è sicuro – e fa i nomi – che la patacca sia stata costruita dai uomini del Presidente del Consiglio, un giornalista ed un personaggio politico, inviati a Santo Domingo in missione. Il Ministro Sandro Bondi sospetta che alla testa della Camera dei deputati ci sia un uomo che non lo merita e vorrebbe che lo capisse l’interessato.

E’ l’ultimo atto di una Vicenda che ha segnato la rottura, forse definitiva, tra Finiani e Pdl.

Simone Luca Reale