Bologna 20 settembre 2010 Questo pomeriggio i  ricercatori dell’ Alma mater studiorum Bologna, si sono riuniti per discutere alcuni punti inerente la riforma Gelmini, sempre più indirizzata verso la penalizzazione della ricerca universitaria.

Il rettore Ivano Dionigi propone il rinvio delle lezioni al 5 ottobre e l’ organizzazione di iniziative sul tema della ricerca. I rappresentanti del Cua, Sandra Soster della Cgil, rappresentanti del Coordinamento precari e di Bartleby sono ora in riunione presso la facoltà di economia per decidere se appoggiare la proposta del rettore o meno. Intanto gli studenti di Chimica industriale hanno già cominciato i corsi. Importante è mantenere unità d’intenti contro l’ inaccettabile provvedimento del governo, svolgendo le normali attività d’ ateneo rimanendo fermi nella protesta già in atto.

Ilaria de Lillo