MILANO, 20 NOVEMBRE – Il mercato di riparazione è ormai alle porte e i grandi club europei stanno già vagliando le varie operazioni da effettuare. Tra queste, una delle più attive potrebbe essere l’Inter. I buoni risultati ottenuti fin qui dalla banda Stramaccioni (secondo posto in campionato e sedicesimi di Europa League in cassaforte) stanno facendo venire l’acquolina in bocca al presidente Massimo Moratti, sempre più intenzionato a far trovare al suo tecnico qualche regalino di qualità sotto l’albero, così da potersi giocare il tutto per tutto nella seconda parte della stagione.

Il sogno della dirigenza nerazzurra si chiama Paulinho, centrocampista classe ’88 in forza al Corinthians. Il brasiliano ha già da tempo catturato le attenzioni del patron nerazzurro per le sue grandi doti tecniche e per la particolare prolificità sotto porta. Sul giocatore ci sono anche Manchester City e Psg con Leonardo pronto a tutto pur di portare a Parigi il fenomeno carioca. Il suo arrivo a Milano è sfumato la scorsa estate negli ultimi giorni di mercato, ma l’Inter non si è arresa e molto probabilmente tenterà un nuovo assalto a gennaio. Difficile, tuttavia, superare la concorrenza dei parigini, in grado di esercitare un fascino economico maggiore rispetto ai meneghini. Ecco quindi che i nerazzurri si stanno guardando un po’ attorno  per cercare un’alternativa valida.

[smartads]

Negli ultimi giorni si sta facendo largo la candidatura di Pablo Barrientos, giocatore del Catania. Il centrocampista argentino stuzzica parecchio le fantasie dei dirigenti di Via Durini: “El Pitu”, soprannome dato all’argentino, all’occorrenza più giocare sia in attacco (largo in un ipotetico tridente) che centrale a centrocampo. A segno 6 volte nello scorso campionato, il ragazzo classe ’85 presenta notevoli doti tecniche e poi in nerazzurro sarebbe accolto a braccia aperte dalla comitiva argentina. Negli ultimi tempi il giocatore ha manifestato una certa insofferenza all’interno del club etneo e anche i rapporti con il tecnico Rolando Maran sembrano essersi incrinati. I continui malumori, manifestati a più riprese dal giocatore attraverso il suo profilo Twitter, potrebbero facilitare il suo approdo ad Appiano Gentile.

Barrientos, dunque, qualora arrivare a Paulinho si rivelerebbe una chimera, ma i radar nerazzurri stanno costantemente monitorando la situazione Sneijder. Il trequartista dovrebbe rientrare a breve dall’infortunio ma il suo futuro sembra assai lontano da Milano. Per sostituirlo il ds Piero Ausilio ha già prenotato un viaggio in Olanda, più precisamente all’Amasterdam Arena dove gioca Christian Eriksen. Il talento dell’Ajax è appetito da diversi club europei (tra cui anche il Milan) e ha recentemente dichiarato di essere molto interessato ad un’esperienza lontano dai Lancieri. Il costo del cartellino oscilla fra i 10 e i 15 mln di euro per un giocatore il cui contratto scadrà nel giugno 2014.

Torna di moda anche il nome di Alexander Kolarov, nazionale serbo con un passato alla Lazio in Serie A. Le prestazioni di Nagatomo e Perreira non sempre hanno convinto il tecnico romano che ha dato mandato alla società di sondare la pista che porta al laterale del Manchester City. Kolarov, la scorsa estate, sembrò sul punto di arrivare a Milano come sostituto del partente Maicon, ma le richieste esose dei Citizens fecero saltare l’affare. La strategia dell’Inter sarebbe quella di un prestito con diritto di riscatto a giugno fissato a 10 mln di euro. Una soluzione che difficilmente verrà accolta da Roberto Mancini, dal momento che gli inglesi investirono 18 mln di euro nel 2010 per strapparlo a Claudio Lotito. Sul laterale ci sono da tempo anche le attenzioni di un’acerrima nemica dei nerazzurri, ossia la Juventus con il dg Beppe Marotta pronto a fare un tentativo a gennaio. Roba da scatenare un Derby d’Italia anche sul fronte mercato.

Calogero Montalbano