Massimo Moratti giudica positivamente l'esordio di Andrea Stramaccioni sulla panchina della prima squadra dell'InterMILANO, 2 APRILE – Buona la prima per Andrea Stramaccioni, l’ex tecnico della Primavera nerazzurra, all’esordio con la prima squadra, strappa i tre punti a San Siro contro il Genoa in un pirotecnico 5-4 che nonostante abbia nuovamente rimarcato i limiti del biscione, specie quelli della retroguardia, ha anche mostrato note positive soprattutto in un ritrovato entusiasmo e nella voglia, da parte dei nerazzurri, di lottare su ogni pallone fino al 93’.

Soddisfatto dell’esordio del nuovo allenatore anche il Presidentissimo dell’Inter, Massimo Moratti, che dopo aver silurato negli ultimi mesi già due tecnici, sembra riporre nuova ed incondizionata fiducia nel nuovo condottiero nerazzurro: “Stramaccioni non è un personaggio banale. Ha portato entusiasmo. In parte si vede già la sua mano sull’Inter. Si vede prima di tutto nell’entusiasmo che ha portato nella squadra, anche sentendo i giocatori. E poi un certo gioco suo si vede”.

[smartads]

Moratti ha da essere contento anche per la prima con l’Inter di Fredy Guarìn, il centrocampista colombiano, prelevato in prestito dal Porto, si è subito reso protagonista di un’ottima prestazione, procurandosi anche il decisivo rigore del 5-3 trasformato da Milito per il gol della sicurezza dei nerazzurri e per la sua tripletta personale.

Nel frattempo, secondo quanto riporta Tutto Sport, il patron dell’Inter avrebbe contattato telefonicamente il suo ex pupillo Roberto Mancini, attuale allenatore del Manchester City, i due avrebbero parlato dell’attuale situazione dei nerazzurri, e si sarebbe ipotizzato, in caso di mancata vittoria della Premier da parte dei citizens, un clamoroso ritorno dell’ex attaccante della Sampdoria all’Inter, alla guida tecnica del biscione per la prossima stagione. Con quello del Mancio potrebbe verificarsi anche un altro clamoroso ritorno, quello del giovane centravanti della nazionale Mario Balotelli.

Marco Bertagnin
Redazione Sport