NAPOLI, 16 MARZO – Dopo la cocente eliminazione ad opera del Chelsea, i partenopei hanno resettato quanto di buono fatto nella grande Europa per ritornare a pieno regime nella realtà nostrana. Prossima tappa sarà Udine, per continuare a coltivare il sogno terzo posto, sicuramente realizzabile alla luce dei risultati abbastanza incoraggianti delle dirette concorrenti. Napoli che ha dimostrato di saper stare e anche bene tra le grandi del vecchio continente, peccando semplicemente di inesperienza nella gestione del risultato. Fattori che potranno essere limati con l’innesto di alcuni elementi consoni al progetto per garantire quell’ulteriore salto di qualità all’organico di Mazzarri.

[smartads]

De Laurentiis ha blindato a più riprese il tecnico toscano, ed ha ribadito la volontà di pianificare le strategie future nei prossimi giorni in stretta collaborazione con il ds Riccardo Bigon. Il presidente tornerà a mettere mano al portafoglio e lo farà in maniera consistente su indicazione di Mazzarri. Il tecnico ha chiesto un centrale difensivo dall’alto spessore tecnico da affiancare al duo Campagnaro-Cannavaro. Tutti gli indizi portano a Benatia dell’Udinese, sul quale c’è da registrare il forte interessamento del Psg di Carlo Ancelotti. Il centrale marocchino dunque è il primo nome nella lista di Bigon, che proverà ad ampliare il discorso con Pozzo inserendo anche Mauiricio Isla nell’operazione. Il cileno è il jolly di centrocampo chiesto da Mazzarri, bravo nelle due fasi, arruolabile sia sulla corsia laterale che come interno nel centrocampo a 5.

Serve dunque un giocatore polivalente per consentire a Mazzarri di poter scegliere partita dopo partita il suo scacchiere tattico e per far tirare il fiato ad alcuni elementi adottando maggiormente il turn over. Per questi motivi sta per nascere un’alleanza sull’asse Napoli-Udine, che potrebbe far cambiare casacca ai due gioielli di Guidolin.

Mario Lorenzo Passiatore