MILANO, 4 MARZO – In campionato 6 punti nelle ultime 10 partite, 6 gare senza vittoria, 4 sconfitte consecutive, intervallate da altre due debacle, a Marsiglia in Champions e ancora a Napoli in coppa Italia. Numeri da depressione acuta, un tunnel dal quale non si intravedono ancora scorci di luce. Ad Appiano musi lunghi e cielo grigio, con Moratti che pazienterà almeno fino a ritorno di coppa per poi procedere ad un eventuale siluramento del tecnico di Testaccio. Ranieri partirà dalle certezze, o almeno dalle sue, per questo motivo nella formazione anti-Catania non ci sarà Snejider che si accomoderà in panchina al suo fianco. Stessa sorte per Forlan, anche l’uruguagio relegato tra gli esclusi. Per ritornare alla vittoria si affiderà al classico 4-4-2, con Chivu basso a sinistra e Zanetti a destra. Esterni alti Faraoni e Nagatomo e la linea mediana sarà presidiata da Stankovic e Cambiasso con il tandem Milito-Pazzini in avanti.

CASA CATANIA – 2 vittorie consecutive contro due dirette concorrenti, il Catania di Montella vince e convince, una squadra votata all’attacco e propensa al bel gioco. Con 33 punti sul groppone e due partite in meno, gli etnei hanno praticamente ipotecato la salvezza già a marzo. Onore al tecnico che è riuscito a dare la sua impronta praticamente fin da subito nonostante abbia adottato più moduli in questo scorcio di stagione. Dunque una squadra polivalente, andrà a San Siro nel suo momento migliore. Montella riconferma in blocco la squadra che ha ben figurato nelle ultime apparizioni, Izco, Lodi e Almiron in mediana con Gomez e Barrientos a supporto di Bergessio.

LA GARA INTER-CATANIA 2-2

Partiti. Il Catania gioca il primo pallone
4′ Palombo cerca il taglio di Forlan, che sta giocando largo a sinistra: chiude Spolli
5′ ottima chiusura di Zanetti sull’iniziativa di Barrientos.
7′ bolide del Cacha: palla in curva.
8′ Lodi cerca la porta con un sinistro da fermo: palla alta
12′ destro di Palmobo: palla altissima.
14′ sinistro violento di Forlan, Carrizo non si fa sorprendere dal rimbalzo e blocca in due tempi.
18′ assolo di Forlan chiuso in angolo da Le Grottaglie.
20′ CATANIA IN VANTAGGIO: GOMEZ
Golazo di Gomez: parte sul filo del fuorigioco, rientra su Nagatomo e batte Julio Cesar con un bel destro
24′ palla dentro di Bergessio per Gomez, si allunga Lucio e riesce a mettere in corner
Inter in difficoltà. I siciliani sono molto ben messi in campo
29′ Nagatomo si accentra da destra e scarica il sinistro, alto.
30′ cross in area di Zanetti, allontana la sfera Legrottaglie.
32′ Insiste l’Inter: Milito per Forlan, che cerca l’assist a centro area; allontana Lodi.
35′ ammonito capitan Izco per un fallo in ritardo su Palombo.
37′ occasione gol per il Catania: assist di Almiron per Barrientos che a botta sicura manca clamorosamente il tap-in vincente.
38′ CATANIA IN GOL: IZCO
Raddoppio di Izco su assist di Marchese, che però era partito in fuorigioco.
Duplice fischio di Celi. L’Inter va negli spogliatoi sommersa dai fischi del Meazza.

Secondo indiscrezioni provenienti da fonti vicine all’entourage di Moratti, Ranieri verrà esonerato al termine della gara indipendentemente dal risultato finale.

Inizia il secondo tempo. Ranieri sostituisce Faraoni con Sneijder.
47′ cross da dimenticare di Forlan dall’out sinistro. Il volto di Ranieri incarna lo stato d’anima della formazione nerazzurra.
50′ fallo di frustrazione di Palombo su Izco: l’arbitro lo grazia.
53′ punizione calciata da Sneijder: miracolo di Carrizo su Milito, ma l’attaccante argentino era in fuorigioco.
55′ Palombo perde palla ma non ne approfitta Bergessio che calcia alto sopra la traversa.
58′ punizione calciata da Barrientos: l’incornata di Monta termina a lato.
60′ doppia sostituzione Inter: esce Cambiasso, entra Poli. Esce Palombo, entra Poli
65′ Corner: svetta Samuel, ma non riesce ad angolare. Facile per Carrizo.
68′ sostituzione per Montella: esce Bergessio, entra Ebagua.
70′ INTER IN GOL: FORLAN
70′ sinistro da posizione defilata di Forlan e palla in rete. Decisiva l’indecisione di Carrizo.
74′ ammonito Sneijder per proteste.
75′ sostituzione Catania: entra Seymour, esce Barrientos. Gara sottotono del folletto argentino
79′ INTER IN GOL: MILITO
Assist delizioso di Forlan per Milito che entra in area e con un diagonale fredda Carrizo.
83′ fallo di Marchese su Pazzini in area: Celi non fischia il penalty.
84′ Seymour si divora la rete del 3 a 2 solo davanti a Julio Cesar. Sulla ripartenza dell’Inter Milito impegna severamente Carrizo.
Cinque minuti alla fine del match.
86′ ultima sostituzione per Montella: esce lo scatenato Gomez, entra Llama.
88′ corner negato all’Inter per una deviazione di Spolli sul colpo di testa di Pazzini: Celi protagonista.
89′ sventola di Ebagua su assist di Almiron: blocca Julio Cesar. Llama era solo al limite dell’area
90′ clamorosa gol divorato da Pazzini su assist di Nagatomo. Situazione analoga al match contro il Napoli.
91′ Milito per Forlan che entra in aera di rigore: questa volta la conclusione è imprecisa.
92′ punizione Inter dalla trequarti: fallo di Spolli su Pazzini. La botta dell’olandese viene deviata in corner.

Inter-Catania 2-2 finale. La squadra di Ranieri rimonta con orgoglio, giocando una buona ripresa. Pazzini fallisce il gol partita.

PAGELLE INTER
J.Cesar 6, Nagatomo 5.5, Lucio 5 (Flop: un uomo in più per l’attacco etneo), Samuel 5.5, Zanetti 5.5, Faraoni 5.5, Palombo 4 (Flop disastroso), Obi 6.5, Cambiasso 5, Sneijder 6, Poli 6.5 (Top: trascinatore), Forlan 6.5 (Top: ala sinistra vecchia maniera, un gol e un assist), Milito 6, Pazzini 4 (Flop: peso morto)

PAGELLE CATANIA
Carrizo 5 (Flop: Riapre il match sul gol di Forlan. Decisivo nel finale), Motta 5 (Flop: asfaltato da Forlan), Legrottaglie 6.5, Spolli 6.5, Marchese 6, Izco 7 (Top: secondo gol in Serie A, gladiatore), Lodi 6, Almiron 6, Gomez 7 (Top: funanbolo), Barrientos 6.5 (Top: accelerazioni improvvisi e tagli alla Pirlo), Bergessio 6.5 (Top: un pericolo costante per la difea nerazzurra)