MILANO, 26 GENNAIO – Ha paura di rimanere bloccato per due anni “prigioniero” del suo ingaggio e di una lotta inusuale con il suo club. Fonti vicine all’entourage del giocatore avrebbero denunciato i timori dell’apache, che a suo dire, dopo la maxi stangata ricevuta, i Citizens lo starebbero citando per danni, dando vita ad una lunga battaglia in tribunale. L’argentino non avrebbe adempiuto ai normali obblighi contrattuali e si sarebbe allontanato di sua spontanea volontà senza il consenso del club, pronti a chiedere un maxi risarcimento all’argentino.

Intanto domani sarà una giornata fondamentale, ci potrebbero essere dei risvolti interessanti, Galliani allaccerà nuovamente i contatti per dare una sterzata definitiva all’operazione. L’offerta da recapitare dovrà prevedere un prestito oneroso, con diritto di riscatto. Una quota fissa da versare subito, 7 milioni e la restante parte dilazionata nel tempo. Operazione che dovrebbe prevedere anche dei bonus condizionati alle presenze, e che potrebbe superare i 25 milioni complessivi.

[ad#Juice 250 x 250]

Il nodo Tevez tiene in stand by Maxi Lopez, che è stato bloccato da Galliani in attesa di risolvere la trattativa principale. Qualcuno non esclude che l’argentino possa arrivare a prescindere, ma allora non si spiegherebbe il motivo per cui Galliani lo abbia parcheggiato in attesa di notizie da Manchester.

In uscita è circolata nelle ultime ore una voce insistente, quella che vorrebbe Pippo Inzaghi lontano da Milanello. Il Parma avrebbe chiesto informazioni per un prestito gratuito fino a giugno. A Ghirardi gli fa eco Valentina Mezzaroma, dirigente del Siena, la quale ha espresso pubblicamente la sua volontà di voler prendere il trentottenne bomber piacentino; per Maxi Lopez un motivo in più per sperare.

Mario Lorenzo Passiatore