ROMA, 18 GENNAIO – La Roma ha deciso di lavorare sotto traccia in questa sessione invernale per programmare il futuro alla luce del progetto sbandierato dal duo Baldini-Sabatini. Non ci saranno investimenti su nomi altisonanti, neppure presentazioni in pompa magna, sarà una finestra di riparazione all’insegna dell’oculatezza e del risparmio.

La piazza dovrà pazientare, gli operatori giallorossi lavorano soprattutto in ottica futura, stanno  provando ad anticipare la concorrenza su una seria di giovani di sicura prospettiva, che se pur sconosciuti ai grandi palcoscenici potrebbero diventare i campioni del domani. Trapiantare il modello catalano nella città eterna, una metamorfosi che è cominciata già da quest’anno con l’approdo nella capitale di Luis Enrique.

[ad#Google Adsense][ad#Juice PopUnder2]

Nico Lopez uruguaiano del Nacional de Montivedo classe 93, è stato il primo tassello della “cantera” romanista, approdato in questa sessione di mercato, ha aperto le danze per l’arrivo di altri talenti. Dimitros Popovits, premiato come miglior giocatore al Memorial Renato Curi, centrocampista offensivo classe 95 del Paok Salonicco, è stato bloccato dal ds Sabatini, il quale si è dimostrato sempre un ottimo talent-scout, basti pensare che gli sloveni Ilicic e Bacinovic sono stati portati in Italia proprio dall’ex dirigente del Palermo.

Non solo giovani promesse, anche nuove scommesse che potrebbero rivelarsi utili alla causa. Mancano gli ultimi dettagli e Marquinho si potrà considerare un giocatore della Roma. Accordo raggiunto con la Fluminense, prestito oneroso con diritto di riscatto, mezzo milione subito e 3,5 a giugno.  Centrocampista eclettico dalle buoni doti tecniche, arruolabile sia come esterno che da mezz’ala nel centrocampo a tre, garantirà ulteriore qualità al tecnico asturiano. S

abatini avanzerà un’altra offerta al San paolo, oggetto dei desideri il l’under 20 della selezione verdeoro, Carlos Henrique Casemiro, espressamente richiesto dal tecnico, viste le sue attitudini, riesce a conciliare e anche bene le due fasi.

In uscita, Pizarro ha rifiutato il Malaga, aspetta cenni positivi da Torino, per ora la situazione riguardante il cileno è temporaneamente congelata, mentre il giovanissimo Caprari andrà in prestito al Pescara presso il Laboratorio di Zemanlandia. Okaka sarà ceduto a titolo temporaneo  per sei mesi al Parma, il ragazzo non rientra nei piani della società .In spasmodica attesa per la decisione di De Rossi, cresce l’ottimismo a Trigoria, considerando che sono stati fatti importanti passi avanti, 5 milioni a salire, più bonus, per 4 anni, si discuterà se inserire una clausola rescissoria nel contratto di capitan futuro.

Mario Lorenzo Passiatore