[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

BOLOGNA, 22 NOV. Settimana campale per le sorti del Bologna. Il presidente in pectore Porcedda ha rassicurato i giocatori che a giorni pagherà gli stipendi, ma gli agenti restano alla finestra per capire se la crisi possa rientrare o se debbano correre ai ripari. Il rischio di messa in mora è reale e i giocatori – quelli che dovessero ricorrere al provvedimento – potrebbero rivolgersi al collegio arbitrale e ottenere lo svincolo.

Nel frattempo il patron delle V Nere, Claudio Sabatini, esce allo scoperto ridando speranze agli avviliti tifosi del Bologna, il ds rossoblu, Carmine Longo, rimasto da solo al timone di una società in piena crisi, dichiara: “A metà settimana, mercoledì al massimo, cambierà la società. Niente saldi. I saldi a Bo­logna non sono ancora cominciati. Ci teniamo Britos e ci teniamo pure la metà di Viviano.  A gennaio non sven­diamo, questo deve essere chiaro. Per noi e per gli altri. I problemi non sono di Bologna, ma di Porcedda. Il Bologna è una società gloriosa e andrà avanti”.

Redazione Bolognatg24.it

[ad#Cpx Popunder][ad#Cpx Banner]