BOLOGNA, 12 SETT. – Questi i risultati della seconda giornata del campionato Serie A Tim alla fine del primo tempo.

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice Overlay]JUVENTUS – SAMPDORIA 2 – 1
Inventa Cassano, Pozzi con un preciso destro infila il suo ex compagno di squadra Storari.
Marchisio ristabilisce la parità grazie ad uno splendido esterno su assist di Krasic. Curci non può farci niente.
Domino Samp, ma la Juventus sta uscendo alla distanza.
Inizio secondo tempo tutto di marca Juve, che passa in vantaggio con un gol in netto fuorigioco di Pepe su deviazione millimetrica di Quagliarella.Accese proteste dei giocatori della Doria
splendida idea di Quagliarella che con un lob cerca di sorprendere Curci.
LECCE – FIORENTINA 1 – O
Allo stadio di “Via del Mare” salentini in vantaggio grazie ad un gol di Di Michele al 9′. Lecce padrone del campo, la Fiorentina prova a rispondere con gli attacchi di Gilardino.
Al 60′ gol regolare di De Agostino annullato alla Fiorentina. Grave errore di Orsato.
Risponde il Lecce con Giocamazzi che prova dal limite, ma la palla si perde sopra la traversa.
GENOA – CHIEVO 1 – 2
Mattia Destro, scuola Inter, porta in vantaggio la squadra di Gasperini
Il Chievo pareggia al 45′ grazie ad un autogol di Dainelli su bomba di Moscardelli che spiazza Edoardo.
Michele Marcolini porta in vantaggio il Chievo al 56′: Luciano vola sulla destra e pennella per Marcolini che infila l’incolpevole Edoardo.
Chievo solitario in testa con sei punti in due partite
LAZIO – BOLOGNA 0 – 0
Partita estremamente tattica allo stadio Olimpico di Roma. La Lazio prova a pungere con le incursioni di uno splendido Hernanes, il Bologna risponde con Di Vaio e Gimenez. Risultato giusto
CATANIA – PARMA 1 – 0
Mascara porta in vantaggio il Catania realizzando un rigore al 15′.
Ottimo primo tempo dei siciliani che mettono sotto in tutti i settori gli emiliani. Nervosismo a fior di pelle nella squadra di Marino, con quattro ammoniti nei primi 45 minuti.
Il Parma parte alla grande nella seconda frazione: diverse le opportunità per raggiungere il pareggio, ma Bojinov e Paloschi sono sfortunati.