BOLOGNA, 9 SETT. – Prosegue senza sosta il mistero che si cela dietro al ritiro di Bernacci, attaccante 26enne del Bologna in prestito sino a giugno al Torino, momentaneamente ritiratosi a causa di problemi a livello personale.

Ad alimentare la polemica, questa volta sono le dichiarazioni ds del Bologna Carmine Longo: “Il giocatore è in prestito fino al 30 giungo quindi non è un problema nostro, la situazione è in mano al Torino. Inoltre ha due anni di contratto con noi, ma se il procuratore continua così si rischia la rescissione del contratto per ufficio, visto che dice che il giocatore è invalido di mente.

Tutto quello che dice il procuratore io non lo commento, metta per iscritto ciò che vuole dire, lui ha firmato un trasferimento e nessuno lo ha obbligato ad andare a Torino”.

Redazione

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]