TORINO, 3 SETT. – I possibili rimpianti della Juventus si chiamano Diego, accasatosi al Wolfsburg, e Giovinco, nuova stella del Parma. Due destini simili per due giocatori con una tecnica sopraffina. In comune lo straordinario talento e la voglia di riscatto verso la nuova triade che non ha creduto in loro. Entrambi, si sono resi subito protagonisti con le nuove maglie, segnando e facendo segnare. Il brasiliano, che per tutta l’estate è stato la pietra miliare del mercato bianconero, alla prima occasione disponibile non ha risparmiato frecciate velenose nei confronti della sua ex società. “Del Neri mi aveva detto che ero indispensabile, ma Marotta vuole solo italiani e non campioni”.

Alle dichiarazioni del numero 10 carioca hanno fatto eco quelle della Formica Atomica. “La dirigenza doveva essere più chiara. Non sono stato trattato come mi aspettavo, comunque la vita va avanti”.

[ad#Juice 250 x 250]In un ambiente Juve già sotto pressione per la cocente sconfitta arrivata alla prima di campionato, le parole di Diego e Giovinco si abbattono come la spada di Damocle e non fanno che aumentare la frustrazione dei tifosi che sperano di non doverli rimpiangere. Il modulo del tecnico friulano non ha di certo agevolato l’inserimento dei due giocatori, soprattutto quello del trequartista italiano.

Wolfsburg e Parma sembrano proprio essere, rispettivamente, i due ambienti ideali per poter dimostrare il proprio valore. Diego Ribas da Cunha è pronto a rinascere in Germania. Sebastian Giovinco vuole esplodere definitivamente in Emilia. Se tutto ciò accadrà avranno avuto ragione loro. La Juve non può far altro che aspettare e sperare che la linea scelta sia stata quella giusta.

Redazione via tuttomercatoweb

[ad#Simply Banner][ad#Cpx Banner][ad#Cpx Popunder][ad#Juice Overlay]