NAPOLI, 17 GIU. – I russi del Rubin Kazan hanno formalizzato la loro proposta per l’ac­quisto di Fabio Quagliarella, uno degli idoli indiscussi dei tifosi partenopei: venticinque mi­lioni al club di De Laurentiis, contratto da tre milioni di euro a stagione all’attaccan­te di Castellammare di Stabia.

Il tempo necessario per piazzare Alek­sandr Bukharov, attaccante di venticinque anni, messo già in lista di sbarco, e poi en­treranno in azione con una montagna di petroldollari che sicuramente farà barcollare il Napoli.

In­tanto i dirigenti russi hanno già contatta­to il procuratore di Quagliarella, Giusep­pe Bozzo. « Sareste disposti a venire al Ru­bin? Che ingaggio gli riconosce il Napoli? Noi siamo disposti ad offrirvi il doppio » . Per una forma di cortesia nei confronti del Napoli, Bozzo, dopo aver provveduto ad informare Riccardo Bigon, ha incontrato i rappresentanti del Rubin. Li ha ascoltati attentamente e ha anche riferito che il giocatore si trova benissimo Napoli, non ha alcuna intenzione di trasferirsi all’este­ro e che il club non avrebbe mai manife­stato l’idea di privarsene. Eppure i rap­presentanti del Rubin, tra cui il dg Evge­ny Golov, hanno insistito molto con Bozzo: « Ne riparleremo quando sarà il momento. A noi Quagliarella piace tanto, è l’attaccan­te che ci serve per fare il salto di qualità. Ci manca uno come lui. L’abbiamo visto all’opera già diverse volte. Ed uno dei no­stri è in Sud Africa sperando che Lippi lo impieghi ». Laconico il commento del manager calabre­se, peraltro procuratore anche del diavoletto Cassano: « Allora parlatene con il Napoli, formaliz­zate un’offerta e poi si vedrà. Intanto non posso disturbare il ragazzo che è impe­gnato in una competizione così importan­te ».

Anche Al dg Bigon è giunta voce della telenevola russa di Quagliarella, che non solo piace al Rubin ma anche allo Zenit San Pietroburgo. « Ma per noi è incedibile, parlassero quan­to vogliono », ha replicato il ds del Napoli che dopo aver in qualche modo bloccato Fred della Fluminense ha anche messo le mani su Franco Zuculini, 20 anni, centro­campista che tanto piaceva ad Antonio Cassano che lo suggerì a Marotta prima che si trasferisse in Germania.

M.R.