Edinson CavaniMILANO, 9 GIU.Il tempo è passato inesorabilmente dall’epoca della squadra sfigata e perdente. Zanetti e Cordoba si stanno incamminando lungo il viale tramonto, Toldo scalda la panchina e studia da dirigente, Materazzi e Stankovic da lottatori si sono tramutati in uomini spogliatoio.

Nel frattempo la polverosa bacheca nerazzurra è stata sostituita da una luminosa vetrina, addobbata dai successi dell’era Mancini e coronata dal suo successore portoghese, Josè Mourinho, condottiero spavaldo dell’Inter del ‘Triplete’, dell’Inter Campione d’Europa 50 anni dopo l’imprese di Mazzola e Jair.

Oggi però parte l’era Benitez, un allenatore costretto a combattere contro il fantasma dello Special One, ancora amato come una divinità greca nella Milano nerazzurra.

Il primo compito di Rafa è quello di trattenere alla Pinetina i top player dell’Inter e, soprattutto, convincere giocatori e dirigenza sulla validità del suo progetto.

Tramontata l’idea di portare Mascherano a Milano – copia conforme di Cambiasso – Rafa ha individuato il primo rinforzo per l’Inter che verrà: Edinson Cavani .

E’ Maurizio Zamparini a confermare che Edinson Cavani potrebbe essere il primo rinforzo nerazzurro: “Posso dire che Benitez lo seguiva dai tempi del Liverpool – dice il presidente del Palermo -. Ed è tre anni che Edinson vuole andare via. Ma io spero che vada in Inghilterra perché da lì sono già arrivate due offerte ufficiali”.

M.Riv.