RIMINI, 3 MAGGIO – Una gara mozzafiato per i cinquemila tifosi del ‘Romeo Neri’, caratterizzata da un finale thrilling che ha consegnato in extremis l’intera posta in palio alla squadra di coach Melotti.

Partenza a razzo della squadra biancorossi, avanti per 2-0 dopo appena 22 minuti grazie all’uno-due micidiale di Nolè (14′) e Longobardi. Dopo aver sfiorato il 3-0 sullo scadere del primo tempo con Tulli, nella ripresa i romagnoli hanno subito la veemente rimonta dei veneti, a segno prima con Farias al 66′ e al 77′ con Di Gennaro. Nel recupero succede di tutto: gol annullato al Rimini, errore di Selva sul ribaltamento di fronte e al 93′ il 3-2 definitivo con un colpo di testa di Rinaldi su azione da corner.

Al termine della gara il Rimini si ritrova per la prima volta nei play-off e il Verona sarà costretto a battere domenica il Portogruaro per non fallire la promozione diretta.

INTERVISTE

RIMINI – Il tecnico del Rimini, Mauro Melotti: ‘Sono stati grandiosi e anche alla fine, dopo il 2-2, ho visto una grandissima carica in tutti quelli che stavano giocando. Gente che ha dato tutto, che nelle ripartenze era commovente tanto correva pur essendo stanchissima. Come Marchi, ad esempio, che era pieno di contratture. Il gol di Rinaldi? C’è poco da pensare, sei fortunato se non ti viene un collasso o un infarto. Devi solo sperare che il cuore regga. Una partita dai due volti, nella quale il Verona è venuto fuori nel secondo tempo pressando di più e noi che con un pizzico di preoccupazione siamo riusciti a giocare di meno. D’altra parte è anche normale che una squadra così reagisca: ha giocatori di qualità ed è capace di mettere in difficoltà chi gli si para davanti’.

VERONA – Il tecnico del Verona, Gianmarco Remondina: ‘Il pari non ci serviva a niente e bisognava vincere a tutti i costi, dispiace che sia arrivata la beffa proprio un minuto dopo aver sfiorato il gol della vittoria. Adesso però non ci si deve abbattere, serve una pronta reazione per giocarci tutto domenica prossima. Il Rimini si giocava tutto e noi non siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento mentale, aldilà degli errori che ci stanno. Nella ripresa invece con rabbia e determinazione, la squadra stava quasi per ribaltare il risultato. L’arbitro? Forse c’era un rigore per il Rimini, ma prima non capisco l’ammonizione per simulazione a Berrettoni che dovrà saltare la partita con il Portogruaro’.

Redazione – Interviste Calciomercato.com

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Zanox 300 x 250][ad#Juice Overlay]