PADOVA, 2 MAGGIO – In zona Cesarini Di Nardo tiene accesa la fiammella salvezza per il Padova e rallenta momentaneamente la corsa promozione del Sassuolo. Padova che si presenta in campo all’Euganeo con baby Vantaggiato a fianco di Di Nardo in attacco e Rabito nel ruolo di rifinitore. Sassuolo in formazione rimaneggiata, con Bressan che lascia il posto tra i pali a Pomini.

PRIMO TEMPO – La squadra di Sabatini parte forte: al 3′ la prima conclusione centrale di Rabito. Due minuti più tardi l’occasione più grossa capita sui piedi di Di Nardo, bravo a smarcarsi sulla destra a pochi passi da Pomini: il portiere del Sassuolo mette in angolo. La formazione di Pioli controlla, poi dopo la mezz’ora accelera: Martinetti su punizione impegna Agliardi (37′), con il portiere che si deve ripetere ancora su punizione calciata da Bianco (39′). Dal successivo angolo il Sassuolo passa: pallone deviato di testa da Noselli, lasciato libero dalla difesa del Padova.

SECONDO TEMPO – Nel secondo tempo il Padova cerca con tutte le forze il pareggio, mentre il Sassuolo fa girare palla nel tentativo di conservare il risultato a proprio favore. Nel finale di gara prima Di Nardo da pochi passi non riesce a metterla dentro, poi Pomini chiude la porta ad una punizione di Vantaggiato e ad un colpo di testa di Cuffa. In pieno recupero Di Nardo (in posizione regolare) raccoglie un assist di Bonaventura e sigla l’uno a uno finale.

Redazione Sportiva

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Zanox 300 x 250][ad#Juice Overlay]