MODENA, 26 aprileUna donna di 37 anni e il figlio di 10, di origine albanese, hanno perso la vita ieri in un tragico scontro a Massa Finalese, frazione di Finale Emilia. Nell’incidente, cinque persone sono rimaste ferite e una donna incinta di otto mesi, di San Felice, è ricoverata in prognosi riservata col serio rischio di perdere il bambino.

E’ lo sconvolgente bilancio dello scontro frontale avvenuto ieri in via Abbamotto, provocato da un sorpasso in curva e da una fatalità: un auto che si è inserita in carreggiata uscendo dal passo carraio del kartodromo. Il piccolo Maurizio Ferro è morto ieri alle 17 dopo disperato soccorso dei sanitari, mentre la madre, Bukuroshe Ferro, è morta poco più tardi nell’ambulanza del 118.

Con la mamma e il figlio, viaggiavano nell’auto, una Citroen Picasso, altre 4 persone: il fratellino di Maurizio, Rei Ferro, 6 anni e il loro papà Artur, 42 anni. Nel veicolo erano presenti anche due amici: Petrit Hoxa, 28 anni e sua moglie Marcela, incinta di otto mesi, che desta in gravi condizioni.

A causare l’incidente, lo scontro frontale con un Alfa 156 condotta dal ventenne finalese Matteo Abbottoni. Secondo la ricostruzione della polizia municipale, la Picasso proveniva da Massa in direzione Canaletto. In prossimità del kartodromo, l’auto ha sorpassato una Punto, in una semicurva a sinistra, proprio nell’istante in cui l’Alfa usciva dal kartodromo. Il conducente della Citroen, per effettuare una manovra di rientro ha perso il controllo del veicolo che è sbandato per poi finire contro la parte anteriore dell’Alfa. La Picasso si è così sollevata in volo, sbalzando tutti i suoi occupanti. Dalle prime indagini, sembra che alla guida ci fosse Petrit Hoxa, circostanza prima confermata, poi ritrattata.

Sul posto sono intervenute la Croce Blu di Camposanto, ambulanze del 118, due elicotteri provenienti da Pavullo e da Bologna e i vigili del fuoco di San Felice. I due veicoli sono stati sottoposti a sequestro e le due salme trasportate a medicina legale, a disposizione del sostituto procuratore Fausto Casari.

Teo Meriggi

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Zanox 300 x 250]

[ad#Juice Overlay]