[ad#Juice PopUnder1]

Parma, 12 Aprile Una ragazza di 19 anni, nata in Marocco e cresciuta a Parma, ha subito per anni gli abusi da parte del padre e del marito. Ancora una volta si torna a parlare di violenza sulle donne. Violenza domestica, inflitta dalle persone che ti dovrebbero proteggere.

Non importa la nazionalità della donna, la violenza va sempre condannata.

La storia di questa donna ci dice che fin da piccola è stata picchiata dal padre. Egli le ha inoltre imposto di sposare un uomo più vecchio di vent’anni conosciuto solamente un paio di giorni prima del matrimonio. Tale matrimonio, avvenuto con rito islamico, pare non avere valore per lo Stato italiano. In seguito la ragazza aveva contratto matrimonio in un paese della provincia di Como dove il consorte lavorava clandestinamente come carpentiere.

L’uomo,poi, di fronte alle ripetuti rifiuti della giovane a sottostare ai doveri coniugali, si era sentito in diritto di picchiarla e violentarla costringendola quindi con la forza a fare ciò che ella non voleva.

Fortunatamente la giovane donna ha trovato il coraggio di sporgere denuncia alla Polizia. Il marito è stato arrestato dalla Mobile per lesioni, percosse e violenza sessuale mentre il padre per concorso in violenza.

Alessandra Solmi

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Juice 300 x 250]