PARIGI, 7 GENNAIO – E’ iniziato ieri il tour europeo di Mario Monti, proseguito a Parigi, per “abbattere” il rigido muro della cancelleria tedesca Angela Merkel. Tanti gli elogi da parte del Presidente Sarkozy nei confronti dell’Italia e del nostro premier, lodato per la sua competenza e il suo coraggio.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Mario Monti durante l’incontro ha chiesto modifiche al patto salva-euro, utili per frenare la recessione in Europa e allontanare dall’Italia ulteriori manovre al sangue. Secondo Monti “Per la Francia e per l’Europa è solo un vantaggio mettere fine a un direttorio europeo a due, l’ingresso dell’Italia nella cabina di regia europea è di nostro interesse”. Il premier Monti è certo che un accordo sia una soluzione utile a porre fine alla crisi dell’euro, e soprattutto a far cambiare idea la Cancelliera tedesca Merkel. “La Merkel deve capire che ormai siamo in due e che ci deve ascoltare” e il fiscal compact,  preteso dalla Germania non sta avendo risultati sui mercati, ancora piegati dalla crisi di fiducia.

Intanto le borse continuano la discesa e lo spread arriva a 528 punti. Monti ha quindi invitato la Francia a non procedere da sola, ma a mettere rapidamente in atto azioni unitarie, utili alla collettività “perché tutti possano beneficiare degli sforzi compiuti all’insegna dell’integrazione europea”. Non c’è più tempo da perdere: “bisogna far sì che ci siano le munizioni sufficienti per fare in modo che sparisca dalla mente dei mercati il rischio relativo alla permanenza dell’euro”

Sabrina Brandone