Maurizio Cevenini sorridente a Palazzo D'AccursioBOLOGNA, 7 APR. – I dati resi noti da Maurizio Cevenini confermano i sospetti del neo-consigliere regionale: l’organizzazione del Pd ha contribuito ben poco al suo exploit.

Tanto per rendere l’idea il quartiere dove Cevenini ha di gran lunga preso più voti e’ il Savena (2.201), dove i circoli facevano campagna per Giuseppe Paruolo, seguito da Navile (1.517) che era schierato pro Antonio Mugolo. Al di sotto delle attese, invece, dove il partito l’ha indicato come candidato di riferimento.

“Non perdiamoci mai di vista, siamo un bel gruppo e possiamo aumentare alla grande”, scrive il consigliere in una lettera di ringraziamento agli elettori. “Il risultato elettorale e’ stato chiaro e netto, eloquente e utile per un attimo di silenzio riflessivo”.

“Il Cev” come lo chiamano i suoi più appassionati sostenitori, ha confermato anche alle regionali di avere una grande capacità di presa sull’elettorato. Tanto per fare un esempio, sul simbolo dell’Udc 18.820 persone hanno messo una croce, 19.106 hanno scritto a fianco del simbolo del Pd Cevenini. Piu’ voti di un partito.

Simone Luca Reale