LONDRA, 17 SET.Nessuna interruzione alla visita in Inghilterra di Benedetto XVI. L’arresto alle 5.45 di questa mattina, da parte di Scotland Yard, di cinque persone di nazionalità algerina, sospettate di voler uccidere Benedetto XVI, non ha modificato l’itinerario papale.

Gli uomini arrestati, di età compresa tra i 26 e 50 anni, in base alla  legge anti-terrorismo del 2000, sono sospettati di aver commissionato, preparato o istigato atti terroristici. Secondo il quotidiano Daily Telegraph sono estremisti islamici e lavorano come netturbini. Sarebbero stati arrestati, grazie ad una soffiata alla polizia, all’inizio del turno di lavoro nell’area di Westminster, dove Benedetto XVI si sarebbe recato nel pomeriggio. I cinque uomini sono sotto interrogatorio, perquisite anche le loro abitazioni, senza ritrovamento di nessun tipo di materiale pericoloso.

Papa Benedetto XVI, informato degli arresti, si è detto tranquillo. Anche il direttore della sala stampa vaticana, Padre Federico Lombardi, ha espresso la “massima fiducia nella polizia” ed ha aggiunto: “Non è necessario cambiare il programma”.

Cristina Reggini