LOS ANGELES, 13 FEBBRAIO – La città di Los Angeles ha festeggiato l’industria discografica con i Grammy Awards nella stessa notte in cui è venuta a mancare, all’età di soli 48 anni, la regina del pop soul Whitney Houston.

La cerimonia di consegna ha aperto con un tributo in suo onore, a colei che su quel palco è salita tantissime volte, di cui ben sei volte come trionfatrice. La sua stella si è spenta da sola in una lussuosa camera di un hotel di Beverly Hills, mentre il mondo fuori appresa la notizia ha pianto la sua improvvisa scomparsa. A ricordarla in apertura è stata Jennifer Hudson, protagonista di un’esibizione forte ed emotiva di “I Will Always Love You”. La cantante è visibilmente tesa ed  emozionata e durante il ritornello i suoi occhi si riempiono di lacrime. Una performance doverosa, ma che conferma quello che tutti sappiamo : non ci sarà mai più nessuno come Whitney. Tutta la serata dei Grammy è stata dedicata a Whitney, alla sua voce, alla sua carriera ricca di successi. Perchè stanotte il mondo della musica festeggia una delle protagoniste più forti ed importanti di sempre.

[ad#Google Adsense]

La cerimonia dei Grammy Awards ha visto trionfare su tutte la cantante inglese Adele, riuscita nell’impresa di vincere tutti e sei i premi per cui era stata nominata. Miglior canzone con Rolling in the deep, Miglior disco dell’anno con il suo 21, Miglior Singolo con Rolling in the deep, Miglior video, Miglior Performance Pop con Someone Like You e Miglior disco pop con 21. La cantante, a soli 24 anni, eguaglia il record di Beyoncè, con sei grammy vinti in un’unica edizione. Delusione per Lady GaGa, che lascia la cerimonia di consegna prima della sua conclusione, della stessa Beyoncè e di Katy Perry, che regala al pubblico un forte esibizione con il nuovo singolo “Part of Me”.

Ben cinque grammy per la band rock dei Foo Fighters. Tra gli altri premiati Taylor Swift con ben due premi, Jay-Z e Kanye West per la migliore performance rap. Miglior album R&B è stato decretato quello di Chris Brown, mentre Bon Iver è stato premiato come migliore nuovo artista. Delusione anche per Nicki Minay che sperava in questo riconoscimento e che ha destato scalpore sul red carpet per il suo discutibilissimo abito firmato Versace.

Un premio speciale anche per Tony Bennet e un Grammy alla memoria di Amy Winehouse consegnato alla famiglia.

Una serata lunghissima, con oltre 71 premiazioni e con il nome di Whitney presente sulla bocca e nei ricordi di tutti gli amici e i colleghi. Un nome che nessuno potrà mai dimenticare.

YouTube Preview Image

Emanuele Ambrosio