ASTI, 24 GENNAIO – Ucciso un autotrasportatore ad Asti, la Fiat sospende la produzione nel napoletano

Alle prime luci dell’alba un manifestante è stato investito e ucciso sulla statale 10 ad Asti. Ancora da accertare la dinamica degli eventi, ma secondo le prime ricostruzioni è stata una donna tedesca alla guida di un altro tir che tentava di farsi largo tra i mezzi incolonnati. Al momento la donna è agli arresti con l’accusa di omicidio colposo.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Giornata difficile anche al sud: Napoli è senza carburante e sono tantissimi i distributori chiusi dopo le lunghe file di ieri. La psicosi ha colpito i cittadini già ieri al primo giorno di proteste pur di accaparrarsi il pieno di carburante. Anche i supermercati stanno risentendo dello sciopero avendo gli scaffali completamente vuoti. La Fiat di Pomigliano ha decretato una giornata di chiusura proprio a causa dello sciopero.

Il premier Monti, a conclusione dell’Ecofin, ha rassicurato tutti sull’evoluzione della situazione: “Vogliamo riformare l’Italia nella comprensione delle categorie ma facendo rispettare le leggi”. Sullo stesso piano in ministro Cancellieri che ha rassicurato l’Europa sullo stop dei blocchi in brevissimo tempo.

Fabrizio Astone