ROMA, 6 SETTEMBRE – Dopo Sara Tommasi, anche Raffaella Fico ha confessato di voler andare in pellegrinaggio al celebre santuario. Direttamente via Novella 2000, l’ex gieffina e futura mamma ha confessato di aver fatto prima tappa a San Giovanni Rotondo, per pregare sulla tomba di Padre Pio, per poi volare direttamente a Medjugorje, con tanto di mamma al fianco.

Tralasciando la veridicità della fede di queste ragazze, ciò che infastidisce è il clamore mediatico che le circonda. Perché non ci sarebbe nulla di male se una Fico, una Minetti o una Tommasi volassero fino a Medjugorje per pregare.

[smartads]

Ma dietro di loro, come ombre, ecco poi comparire l’immancabile squadrone di paparazzi, guarda caso sempre al posto giusto nel momento giusto, per immortalare la scena clou, che le vuole inginocchiate o con le mani giunte, come da sospettare che sia tutto preorganizzato.

Proprio questo fa perdere in credibilità. Perché dinanzi ad un atto di fede la mediaticità dovrebbe sparire, per lasciar spazio al privato.

E con queste protagoniste, spesso e volentieri non esiste.

Flavia Pugliese