La Frode: Nicholas Jarecki clona la sceneggiatura di Wall StreetIl mondo gira tutto intorno a 5 lettere ” S O L D I “.  “La Frode“, diretto dal regista Nicholas Jarecki, ha un cast brillante – Richard Gere, Susan SarandonLaetitia Casta – per una trama attuale, complessa e fuorviante. Forse anche già vista.

Il film, in uscita alle idi di marzo, narra la vicenza di Robert Miller ricco uomo d’affari che dalla vita ha avuto tutto: potere, soldi, fama e prestigio. Attorniato dalla classica alta borghesia dai meri valori venali, conduce una vita rispettabile in famiglia e oscura al di fuori del caldo focolare. E’ accusato infatti di frode ed omicidio, conducendo una vita extra coniugale che aggrava la situazione in cui si trova.  Vengono messi a confronto i valori dell’amore, della famiglia e dell’onestà intellettuale e non, con i valori più crudi del denaro, del potere e della gloria. E’ grazie al potere che esercita sugli altri e grazie al potere dei soldi che Miller tenterà in tutti i modi di portar a compimento il suo riscatto.

[smartads]

Le componenti del film, crisi finanziaria, speculazione, soldi, potere, rendono attuale la sceneggiatura. Non perché sia originale la sceneggiatura in sé, Wall Street di Oliver Stone tratta le stesse tematiche, ma quanto sia fondamentale  il peso che diamo al denaro. Il denaro è potere, il potere è denaro. Ed è un passepartout eccezionale, una carta di credito incredibile con la quale compri e corrompi anche la giustizia, i valori, l’etica. Tutto.

Un film da vedere sicuramente, da capire e da approfondire. Che ti lascia con degli spunti e con dei dubbi e con delle certezze. Che tutto gira intorno ai soldi in questa società fondata sul consumismo. E come dice Gordon Gekko di Wall Street “Si tratta di vincere. Entrare nel gioco è facile, il difficile è uscirne.”