BOLOGNA, 17 DICEMBRE – Nuovi guai per Daniel Radcliffe, conosciuto dai più come il coraggioso maghetto Harry Potter.

A quanto pare il successo ottenuto in tenera età ha mietuto un’altra vittima, dopo Macaulay Culkin, è la volta del giovane talento del cinema mondiale, Daniel Redcliffe, allontanato dalla sicurezza di un locale di Manhattan poichè  coinvolto in una rissa con il dj.

I presenti hanno affermato che Daniel era visibilmente alterato dall’eccesso di alcol assunto, perciò i giornali americani si sono immediatamente domandati se l’attore fosse caduto nuovamente nel vortice della droga, dal quale pareva fosse uscito.

I motivi che avrebbero scatenato la rissa non sono chiari, il dj aveva esaudito una richiesta musicale di Daniel, quindi pare che non vi fossero motivi scatenanti la lite.

Nel 2010 Daniel aveva confessato i propri problemi di dipendenza, dichiarando «Mi piacerebbe essere la persona che va a una festa e beve due bicchierini, ma per me non funziona».

[smartads]

Qualche mese fa aveva fatto ben sperare la sua dichiarazione a giornali e tv, di essere riuscito ad allontanarsi definitivamente dall’alcool al quale si era avvicinato a causa dello strepitoso successo ottenuto con l’interpretazione del maghetto Harry Potter, col quale si può dire sia diventato grande.

La falsa teoria secondo la quale alcol e fumo  aiuterebbero a superare i momenti di difficoltà, ha già colpito numerosissime star del grande schermo, soprattutto coloro che hanno raggiunto la popolarità in giovanissima età. Alla lunga lista di giovani celebrità vittime dell’alcolismo e del fumo, che comprende fra i tanti l’attrice Lindsay Lohan, la compianta cantante Amy Winehouse e Vanessa Hudgens (star di High School Musical ), si aggiunge dunque il giovane Daniel Radcliffe.

Successo va a braccetto con eccesso, in questa società dove sembra che i soldi a palate non abbiano più la stessa importanza di un tempo. Forse aveva ragione il vecchio saggio quando diceva che i soldi non danno la felicità.

Lucia Bonora