TORINO, 26 GENNAIO – Un giovane ingegnere è morto all’ospedale di Torino per un banale intervento. I carabinieri dei Nas hanno prontamente sequestrato le cartelle cliniche e avviato tutti gli accertamenti del caso.

La morte di Alessandro Russo è avvenuta ieri mattina, all’ospedale Martini, è veramente un mistero.

Alessandro, brillante ingegnere di 35 anni, era entrato in sala operatoria per una intervento chirugico di routine, l’asportazione di alcuni polipi dal naso. Il chirurgo, il dottore Stefano Rosso, è uno dei laringoiatri più esperti della città di Torino, e aveva seguito il paziente in tutto il percorso pre-operatorio. Tutto sembrava procedere senza intoppi, ma iniziato l’intervento il cuore di Russo si è improvvisamente fermato e non ha più reagito ai numerosi tentativi di rianimazione attuati dall’equipe medica.

[ad#Juice 120 x 60]

Sarà l’esame autoptico a chiarire cosa è realmente accaduto. La procura ha aperto un’inchiesta.

Redazione