BOLOGNA, 23 GENNAIO – Qual è il punto di contatto tra le grandi fratture della crisi globale ed i problemi che tutti i giorni siamo costretti ad affrontare? Nella fellatio auto-indotta di un anonimo tizio spagnolo.

Altro che blocchi stradali, febbre dello spread,  e tasse astringenti per tutta l’Eurozona. La vera linea d’ombra, la si oltrepassa ,quando si deve pensare a colmare bisogni fisiologici che non è più possibile soddisfare con le tasche vuote. Porre soluzione ad annoso problema come questo, pone la persona che ha trovato il modo di risolverla di fronte alla “RESPONSABILITA’” di condividerla con gli altri.

Il tutto è andato naturalmente in onda giovedì 22 gennaio, nella fascia serate delle 22, sulla tv spagnola “Divinity”, (canale similare all’italiana La5) durante il programma “Sexalitué”.

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice Overlay]

L’acrobatico esercizio di autoerotismo contorsionistico, si e svolto con calma precisione, come se fosse descritto in una brochure di spiegazioni mediche. Dopo il breve filmato le presentatrici del programma hanno generosamente elargito consigli sulle pratiche sessuali orali, alcune in particolare volte ad eliminare l’ansia femminile da cunnilingus.

Mediates España produttrice e distributrice mediatica del piccante trastullo serale (lascio a voi ogni amara coNsiderazione),  dopo la bagarre scoppiata sul web ed alla pluralità di voci indignate che si sono contro il programma, ha ora deciso di relegarlo ad ora più tarda della notte.

Le nostre società sono degenerate nella somministrazione forzosa di materiale video sessualmente esplicito, contorto, ambiguo. C’era un luogo, una volta, dove tutto ciò era relegato, si chiamava porno. Ora pare che i tori siano fuggiti dal recinto e ci galoppano infuriati per la testa.

Meritiamo i casini in cui siamo immersi.  La risposta è come sempre: SI!

Luca Brandetti