Biografilm FestiivalBOLOGNA, 4 GIU. – Si chiama Biografilm Italia ed è la sezione del Biografilm Festival 2010 che racchiude le migliori storie di vita realizzate nel nostro paese. Sei documentari di altissimo livello, tra cui spicca il Lancia Biografilm Award di Venezia 66., Negli occhi di Francesco Del Grosso e Daniele Anzellotti, fresco vincitore del Nastro d’Argento 2010 per il Miglior Documentario sul cinema.

E di cinema si parla anche in L’uomo con la bocca storta, il magnifico omaggio che Emanuele Salce, in coppia con Andrea Pergolari, fa a suo padre Luciano, e in L’abito e il volto, incontro con Piero Tosi, in cui si riscopre l’arte di un grande costumista.

Assolutamente da non perdere anche gli altri tre titoli della sezione, L’isola delle rose, La promessa e Folder, che completano un ideale percorso nell’Italia di oggi e di ieri, tra repubbliche alternative, calci a un pallone e archivi di vita.

BIOGRAFILM ITALIA

L’isola delle rose (Italia/2009/58’) di Stefano Bisulli e Roberto Naccari

“La libertà fa paura”, con queste parole Giorgio Rosa commenta l’epilogo di un sogno. E’ l’estate del 1968 e al largo delle coste di Rimini l’ingegnere bolognese ha da poco proclamato l’indipendenza di una piattaforma marittima, ribattezzata Libera Teritorio de la Insulo de la Rozoj. Una vicenda incredibile e dimenticata; un’utopia capace di suscitare grandi speranze… e grandi timori.

Negli occhi (Italia/2009/75’) di Francesco Del Grosso e Daniele Anzellotti

Vincitore del Biografilm Lancia Award | Documentario 2009 al Festival del Cinema di Venezia

Emozionante ed intenso ritratto di un grande attore del cinema e del teatro internazionale. Vittorio Mezzogiorno viene ricordato attraverso la voce di sua figlia Giovanna, le testimonianze di chi l’ha conosciuto (Peter Brook, Marco Bellocchio, Carlo Lizzani…) e le musiche originali di Pino Daniele. “Una persona forte, sincera, anche difficile e complicata… ma per tutti la stessa”.

La promessa (Italia/2010/50’) di Giovanni Aloi

Anteprima mondiale

Il culto del calcio, il fermento politico e culturale nell’Italia degli anni Settanta. Il viaggio di una generazione, nella drammatica storia di una giovane promessa. Tutti si aspettavano grandi imprese dal bolognese Paolo Pizzirani. Anche Arrigo Sacchi era pronto a scommettere su di lui. Alessandro, l’amico di sempre, racconta la vita di Paolo, “il ragazzo che doveva diventare Platini”.

L’abito e il volto, incontro con Piero Tosi (Italia/2009/51’) di Francesco Costabile
Creatore di abiti indimenticabili (“Il Gattopardo”, “Morte a Venezia”, “Il vizietto”), l’arte di uno dei più riconosciuti costumisti italiani si traduce in una panoramica sulla storia del cinema e del costume. Definito da Franco Zeffirelli come uno degli ultimi superstiti di un mondo che non c’è più, Piero Tosi riassume nel suo lavoro creatività, genio e profonda passione.

Folder (Italia-Belgio/2010/75’) di Cosimo Terlizzi

Anteprima mondiale

Folder, cioè “archivio”. Un archivio con scorci di vita quotidiana che ognuno di noi ha nel suo computer. Un archivio che ognuno di noi sistema e classifica, in ordine alfabetico o cronologico. Ognuno di noi, ma non Cosimo. Cosimo taglia, edita ed unisce tutti questi frammenti alla ricerca della propria identità, del proprio luogo d’appartenenza. Un viaggio tra i frammenti di una generazione multimediale.

L’uomo dalla bocca storta (Italia/2009/57’) di Emanuele Salce e Andrea Pergolari
Umorista pungente, spirito libero e colto intellettuale. Attributi quasi introvabili in un unico artista, ma l’incontenibile estro di Luciano Salce riusciva ad esprimere tutto questo. Dai palchi teatrali calcati assieme a Vittorio Gassman e Franca Valeri, alla regia di “L’Anatra all’arancia” o “Fantozzi”, l’eclettismo e l’ironia di Salce sono filtrati in ogni campo dello spettacolo.