MILANO, 24 MAGGIO – Nel segno del ciclone Pasqualina. La seconda edizione del programma trash “La Pupa e il Secchione” ruota attorno alla Special One di Italia Uno. La Pupa si è resa protagonista di una maxi rinata Flo: quest’ultima le ha letteralmente fatto la doccia con mezzo litro d’acqua ma Pasqualina ha risposto esaltandosi ai boati del pubblico ‘infoiato’ e mostrando il seno e il sedere. Intanto ad essere eliminata è stata la coppia composta da Marysthell e Cevaro.

Pasqualina contro tutte, sembra ormai il leit-motiv della trasmissione è questo. Pasqualina è riuscito nel suo progetto di coalizzare tutte le altre ragazze contro di sé ma da questa odio sembra prendere con l’andare del tempo sempre più forza e anche il pubblico è dalla sua parte.

Al punto che lei, in preda all’esaltazione, si lascia andare a manifestazioni un po’ troppo osè, incorrendo così nelle dure reprimende sia di Paola Barale che dell’ormai onnipresente giudice Vittorio Sgarbi. Come nel caso dell’alterco con Flo. All’acme del battibecco, Pasqualina, dopo essersi presa della “buffona cattiva”, ha urlato tutto il suo disappunto: “Non sanno più come attaccarmi, mi sono rotta le scatole, mi sono rotta le scatole!”. E per calmarle i bollenti spiriti Flo ha pensato bene di prendere una bottiglietta d’acqua e rovesciarla assieme ad un fiume di sproloqui sull’odiata nemica.

Ma Pasqualina non ha reagito in maniera diplomaticA come molti si aspettavano: ha risposto a Flo per le rime e subito dopo, esaltata dal pubblico che la inneggiava, ha mostrato il sedere e il seno urlando “Pasqualina con la cellulite! Con le smagliature! Cattiva, vipera! Mi piaceeeeee!!”. La Barale ha quindi preso posizione senza reticenze: “Ti sei mai chiesta perché tutte ce l’hanno con te? – le ha chiesto la conduttrice -. Tutti quelli che urlano qua perché tu fai vedere tette e culo se fossero in casa con te per una settimana ti prenderebbero a mazzate”.

In definitiva Pasqualina ha l’intero mondo del trash contro, ma grazie al sostegno del pubblica si avvia ad essere eletta Pupa 2010.

Redazione