Uma Thurman sorridente al Festival di CannesROMA, 30 MAR – Non può dirsi certamente un successo ”Motherhood”, l’ultimo film da protanigista di Uma Thurman. Il film scritto e diretto da Katherine Dieckman, nel quale recita anche Jodie Foster, racconta la frenetica quotidianità di una madre che si barcamena a Manhattan tra il lavoro e suoi due figli. Nello scorso week-end la pellicola ha incassato 88 sterline, cifra notevolmente sconcertante di spettatori per il film.

Secondo il quotidiano ” The Guardian”, calcolando le copie in circolazione del film , l’incasso di 88 sterline equivale a dire che in alcuni cinema soltanto uno spettatore si è presentato per pagare il biglietto del costo medio di nove sterline. Dunque, in totale e calcolando eventuali variazioni tariffarie, Uma Thurman ha attirato non più di 12 spettatori.

Ma per ”Motherhood” questo non è il primo flop. A ottobre, negli Usa, il film incassò appena 40mila dollari al box office, contro i 5 milioni di costo. Nonostante tutto, “Motherhood” non si aggiudica il premio del record negativo: l’incasso peggiore in Gran Bretagna spetta al film polacco ”My Nikifor ” del regista Nikifor Krynicki che nel 2007 incassò soltanto 7 sterline.

Silvia Fabbri

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay][ad#Zanox Banner]