MACERATA, 8 FEB. Una donna di anni è morta carbonizzata e il marito è rimasto gravemente ustionato nell’esplosione che questa notte ha distrutto la loro villetta a Porto Potenza Picena, in provincia di Macerata. La donna, Francesca Pozzi (78 anni), è stata trovata dai vigili del fuoco completamente carbonizzata, ancora distesa sul letto. Il marito, Antonio Cataldi, 85 anni, è stato colpito dalla deflagrazione mentre si trovava in cucina, riportando gravi ustioni sul 30 % del corpo e diverse fratture. L’uomo, in gravissime condizioni, è stato trasportato in eliambulanza all’ospedale Torrette di Ancona. Al più presto verrà trasferito nel centro grandi ustionati di Cesena.

[ad#Milionario Link 468 x 15]

L’impatto dell’esplosione è stato potentissimo, tale da abbattere tre delle quattro pareti esterne della villetta monofamiliare. Le case circostanti non hanno invece subito alcun danno. Secondo le prime ricostruzioni effettuate dai pompieri di Macerata, intervenuti sul posto insieme a quelli di Civitanova Marche, la causa dell’esplosione sarebbe una miscela di aria e gpl. L’abitazione era infatti dotata di impianto a gpl esterno, risultato a norma di legge. La deflagrazione sarebbe perciò da ricondurre alla saturazione dell’aria, dovuta o al cattivo funzionamento del piano cottura o alla dimenticanza della coppia che potrebbe aver lasciato aperto il gas dei fornelli.

Fabio Tamburrini

[ad#Google Adsense banner 468 x60]
[ad#Adsense Banner Image 468 x 60]