I clienti di un bar a Helena, nel Montana, hanno segnalato alla polizia il malessere di un cane, il quale dopo aver bevuto una grossa quantità di vodka, non si reggeva in piedi. L’alcol gli è stato somministrato dal padrone che ora si trova in carcere.

HELENA (USA), 25 MARZO – Il 49enne Todd Schrier è stato arrestato ad Helena, nel Montana (Stati Uniti) per violenza e crudeltà nei confronti del proprio cane. L’uomo ha fatto ubriacare l’animale con la vodka, tanto che non si reggeva in piedi.

Todd frequentava spesso un bar, in compagnia di Arly II, il piccolo Volpino di Pomerania. Un dì alcuni clienti hanno notato che il cagnolino Arly II non si reggeva in piedi e hanno avvertito le autorità. Gli agenti affermarono al loro arrivo che l’animale non era in grado di camminare dritto e faceva fatica a mantenere l’equilibrio.

Il proprietario è stato arrestato anche per essere in possesso di un sacchetto di plastica con dentro alcune pillole di idrocodone, un antidolorifico a base di oppio. In seguito alle analisi la veterinaria Michelle Richardson, del rifugio per animali Humane Society, dopo 20 anni di esperienza, ha affermato di non aver mai visto un cane con un livello di intossicazione così elevato. Ha infatti riscontrato in Arly un tasso alcolemico di 0,348, un livello altissimo per un cane di taglia piccola. Di fatto un tasso alcolemico di 0,4 può essere fatale per un uomo.

L’uomo adesso si trova in carcere, ma potrebbe uscire su cauzione, versando la cifra di 30mila dollari.

Samantha Pontieri