BOLOGNA, 23 GENNAIO – Ore 23.30, sabato 21 gennaio, siamo in  via Toscana nella frazione Pian di Macina (Bo).vSono queste le coordinate spazio-temporali di una tragedia.

Gianni Vicinelli, trentacinque anni, muore a causa di un violento investimento.

La cronaca dei fatti sembra essere la seguente: Il ragazzo, in corrispondenza del semaforo, stava attraversando sulle strisce pedonali per raggiungere i propri amici al Praga Caffè. Una Volvo C 30, proveniente da Bologna con direzione Pianoro, lo ha travolto ed ucciso sul colpo. Le gravissime lesioni riportate non gli hanno lasciato scampo.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Il pm Claudio Santangelo ha disposto nei prossimi giorni l’autopsia per cercare di accertare la precisa dinamica dei fatti ed ha altresì proceduto per omicidio colposo nei confronti del conducente del veicolo. Da sottolineare la negatività dell’alcool test a cui questi è stao, con immediatezza, sottoposto. Importante inoltre ai fini legali sapere se il Vicinelli abbia attraversato col verde  oppure no.

II decesso lascia nello sconforto un’intera comunità che, per voce di Gabriele Minghetti, Sindaco di Pianoro, si unisce al dolore dei familiari e della mamma Emilia. «Non ho potuto fare altro che piangere», queste sono le parole che ci sembrano sintetizzare la tragedia, tutta umana, che stanno vivendo gli amici. A pronunciarle è stato Mauro Paolini presidente della squadra di calcio in cui giocava Gianni (i ‘Pollegives’) nonché amico della vittima.

Raffaele Sebastiano Rosa