TREVISO, 04 DICEMBRE – Sarebbe conseguenza di uno scherzo, uno scherzo con cui si era già divertito altre volte, la morte di Luca Giuliani, il diciottenne di Oderzo, provincia di Treviso, trovato impiccato nella sua camera da letto martedì scorso verso l’ora di cena. Il padre del ragazzo stesso propone questa nuova ricostruzione dei fatti, smentendo le ipotesi che già collegavano il possibile suicidio di Luca alla separazione dei genitori avvenuta qualche anno fa. Michele Giuliani, ancora sotto choc per il ritrovamento del corpo del figlio, si dice assolutamente convinto che Luca non avrebbe mai potuto pensare ad un gesto tanto estremo, si tratterebbe appunto di uno scherzo sul genere di quelli che il diciottenne già altre volte gli avrebbe preparato, al quale pare si siano sommati gli effetti della bassa pressione di cui il ragazzo soffriva da tempo, che hanno trasformato il gioco in tragedia.

[ad#Google Adsense][ad#HTML]

Convinzioni simili a quelle espresse da amici e conoscenti del ragazzo: Luca era troppo ottimista e pieno di vita per prendere in considerazione il suicidio, come testimoniano anche gli ultimi post sulla bacheca di Facebook; I funerali del ragazzo avranno luogo probabilmente nel primo pomeriggio di lunedì prossimo, le ceneri dopo la cremazione raggiungeranno la cappella di famiglia in Germania di Sabine, la madre, di origini tedesche anche se trapiantata in Veneto, per esservi tumulate.

Matteo Borile