BOLOGNA, 01 DICEMBRE – Le strade italiane non sono così tanto sicuro oppure oggi è solo un maledetto giovedì nero per i blindati portavalori. Due rapine finite male nell’arco di una giornata. Due rapine in due punti opposti del paese: Nuoro e Bari. Si inizia questa mattina, intorno alle 7.30, a Nuoro, sulla strada statele 131 Dcn Nuoro-Olbia. Un’ora dopo, all’incirca intorno alle 8.30, a Bari, sulla strada provinciale tra Bitritto-Adelfia-Loseto.

[ad#Google Adsense][ad#HTML]

A Nuoro, all’altezza dello svincolo per Siniscola, un autocarro pick up, poi risultato rubato nella stessa provincia sarda, è uscito all’improvviso da una strada di penetrazione agraria e ha sbarrato la strada al mezzo blindato della società “Over Security”, già seguito da un’altra vettura con a bordo altri banditi. L’autista del portavalori non si è fermato e ha travolto il mezzo che gli sbarrava la strada: nel violento urto sono rimasti feriti un vigilante e il bandito alla guida del mezzo. Quest’ultimo è stato, poi, abbandonato dai suoi complici in un distributore di benzina lungo al statale 131, a tre kilometri dal luogo dell’assalto e, una volta soccorso, è stato arrestato da Polizia e Carabinieri, giunti sul luogo della rapina. I banditi, che avrebbero esploso anche qualche colpo di arma da fuoco, non sono riusciti a portare neanche un euro dei 50mila presenti nel portavalori e, attualmente, sono ricercati.

In Puglia, invece, la rapina è stato anche più violenta in seguito a un conflitto a fuoco che ha ferito uno dei vigilantes che scortava il mezzo blindato. Il portavalori è stato bloccato da altri due mezzi blindati, scoperti rubati, lungo la strada provinciale, all’altezza con il cavalcavia della A14, e lo hanno assalito a colpi di mitraglietta, crivellandolo di colpi. Una delle guardie giurate è stata ferita di striscio da alcuni colpi, ma tutti e tre i vigilantes sono riusciti a rispondere al fuoco e a dare l’allarme, mettendo in fuga i rapinatori, uno dei quali potrebbe essere rimasto anche ferito. Il commando, secondo le prime ricostruzioni, sulle cui tracce si sono messi Polizia e Carabinieri, potrebbe essere composto da ben 7-8 persone, per via dell’accurata e ingente organizzazione dei due mezzi blindati utilizzati per la rapina.

Federica Palmisano