AVETRANA, 5 NOVEMBRE – Udienza rimandata a lunedì 7 novembre, richiamato all’appello Zio Michele e svolta possibile solo tramite le dichiarazioni del cappellano, psichiatra e psicologo che hanno seguito Michele Misseri durante il suo arresto.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Vogliono sapere tutto ciò che ha detto, lo vogliono sapere gli inquirenti, così ha deciso il gup, anche a costo che i suddetti non rispettino le regole del segreto professionale.

L’udienza della prossima settimana vuole accertare l’illecito patrocinio dell’avvocato De Cristofaro, accusato dell’epistolario che scagionerebbe Sabrina Misseri, nel dopo Daniele Galoppa.

Intanto nell’udienza del 3 novembre gli avvocati Emilia Velletri, Gianluca Mongelli e appunto De Cristofaro hanno chiesto, tramite i loro legali, il rito abbreviato e la cancellazione dei reati dei quali sono accusati, che, secondo gli avvocati, non sussisterebbero. Gli attuali avvocati sono accusati a vario titolo di infedele patrocinio e di omissione di atti d’ufficio, occultamento di prove, ecc, quanto basta a far salire il totale degli indagati a numero tredici.

Alessandra Scarciglia