TREVISO, 3 SETT. – Una giovane vita stroncata per una cocente delusione d’amore. Un momento di crisi, un attimo di debolezza, l’incolmabile solitudine e quell’uomo che non poteva più stringere tra le braccia. In poche frazioni di secondo  Leonora Martino, 29 anni, afferra alcuni metri di nastro per confezionare i grandi pacchi e si impicca nel soggiorno di casa. Lo scrive oggi il Gazzettino.

La specializzanda in radiologia all’ospedale di Padova, originaria di Orsago (Treviso), si è tolta drammaticamente la vita, l’altro ieri sera, nella sua raffinata abitazione di galleria Tito Livio 7 in pieno centro storico. Doveva incontrarsi intorno alle 20.30 con un’amica dottoressa per andare insieme al ristorante. Due chiacchiere in compagnia durante il festoso mercoledì sera universitario.

[ad#Juice 300 x 250]

Invece Leonora a quell’appuntamento non è mai arrivata. L’amica, preoccupata, dopo aver ripetutamente suonato al campanello di casa ha deciso di chiedere aiuto un amico di famiglia della giovane radiologa. Un trentacinquenne padovano, commerciante di mobili proprio nel Trevigiano, di cui Leonora si fidava ciecamente tanto da lasciargli le chiavi del suo appartamento. Il giovane appena avvisato è rientrato subito da Mestre, dove stava trascorrendo la serata, e si è recato in galleria Tito Livio. Aperta la porta si è trovato davanti agli occhi, nel pulito e ordinato soggiorno, l’amica del cuore morta.

Nell’abitazione, pochi minuti dopo, è arrivato il personale del Suem 118 e i carabinieri della stazione di Prato della Valle. Leonora non ha lasciato la minima traccia del suo gesto. Nessun biglietto, nessuna lettera. Solo un computer portatile che i militari hanno sequestrato per visionarne il contenuto, in cerca del possibile movente del suicidio. I carabinieri, in un secondo momento, hanno ascoltato una serie di amici di Leonora e da una prima ricostruzione dei fatti sembra che la giovane dottoressa stesse attraversando un periodo di depressione a causa di una separazione con un medico dell’ospedale civile.

Redazione via Gazzettino.it

[ad#Simply Banner][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Banner][ad#Cpx Popunder]